lunedì , 10 Maggio 2021

Covid: manifestazioni a Roma e l’ombra di Forza Nuova

L’Italia scende in piazza per opporsi alle restrizioni e alle chiusure. Nella prima mattinata hanno protestato gli ambulanti in autostrada sulla Caserta-Salerno. Dopo gli scontri tra polizia e manifestanti  durante la manifestazione IoApro, ancora nuova giornata di proteste a Roma, al Circo Massimo, dove hanno manifestato numerosi lavoratori che hanno lamentato i blocchi nelle filiere lavorative e quindi la possibilità di inoltrare capitale ai dipendenti. Qualcuno proveniva dalla Toscana, altri ancora da Milazzo che indossava magliette che riguardavano il settore della ristorazione. Tra i lavoratori che realmente urlavano aiuto al governo c’erano anche i negazionisti, purtroppo onnipresenti, come quella Signora senza mascherina che urlava: “giù le mascherine, basta! Basta!”. Quello di Roma è stato un vero e proprio raduno che ha unito Nord e Sud, come un abbraccio collettivo per chiedere aiuto concreto. Mentre gli ambulanti rimanevano bloccati sulla A1,al microfono parlava il rappresentate degli chef di Cuneo: “in questa situazione drammatica ci sono stati rubati non solo i soldi ma anche la dignità, i nostri sogni”. Hanno parlato poi delegazioni dalla Sicilia, da Firenze: “ci dovete far lavorare altrimenti si muore”.

“Non possiamo accettare la violenza nelle nostre strade e prendiamo le distanze” hanno ribadito al microfono i manifestanti a Roma, al Circo Massimo. Non è andata così, neppure oggi. Ci sono stati scontri tra manifestanti e forze dell’ordine. “Libertà! Libertà! Libertà!” è stato il coro intonato dai manifestanti, posizionati a schiera davanti alle forze dell’ordine. Ma si tratta soltanto di proteste dei lavoratori? Oppure dietro i tumulti in piazza c’è anche un’infiltrazione della politica di estrema destra che muove i fili, proprio come accaduto un anno fa? Sembra proprio che dietro ci sia la mano di Forza Nuova invece, proprio come un anno fa. Tra scontri in piazza, rivendicazioni sui social e un day by day di appuntamenti in ogni angolo de’Italia, la matrice sembra essere Forza Nuova. La manifestazione del 12 aprile è stata rivendicata proprio da Forza Nuova ed è lo stesso Roberto Fiore, leader del partito di estrema destra, a scrivere in una nota diffusa sulla pagina Twitter di Forza Nuova Sicilia: “Il 12 aprile e tutti i giorni successivi saremo con il popolo in lotta. Solo l’unità di popolo condurrà alla vittoria”. Sempre Fiore, nella nota dice “Noi siamo con quella parte del popolo che disobbedisce e si oppone alle limitazioni delle libertà di un potere intriso di corruzione. Sono con l’avvocato Taormina quando dice che nemmeno un sindacato si oppone alla macelleria in atto”. “Il 12 aprile e tutti i giorni successivi – conclude Fiore – saremo con il popolo in lotta. Solo l’unità di popolo condurrà alla vittoria. Sabato 8 maggio tutti a Roma!” . La stessa manifestazione del 12 aprile è stata rivendicata da Giuliano Castellino che in una nota ha scritto: “Con IO APRO abbiamo chiuso il cerchio!”. Una chiara rivendicazione di matrice estremista che non lascia spazio a nessun equivoco e che è stata condivisa su Twitter anche da Luca Castellini, Dirigente Nazionale di Forza Nuova e altri militanti.

A proposito di Angelo Barraco

Angelo Barraco, classe 89, è un giornalista siciliano, precisamente di Marsala, in provincia di Trapani. Curioso, attento ai dettagli, negli anni ha collaborato per numerose testate giornalistiche territoriali, nazionali, internazionali, sia cartacee che web. Ha scritto di politica, attualità, economia, territorio, cronaca nera, recensioni letterarie e musica. Ha intervistato molti importanti esponenti della società contemporanea che hanno tracciato un solco indelebile nella cultura e nella storia moderna.

Vedi anche

Vittime Covid, a Petrosino una lapide intitolata al Prof. Natale Pulizzi

Si svolgerà mercoledì prossimo (12 maggio) alle ore 11, all’interno del Cimitero Comunale, la cerimonia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *