venerdì , 14 Giugno 2024

Favignana. Ripetuti attacchi e insulti in Consiglio comunale, il sindaco abbandona l’aula

“Dopo l’ennesima seduta con ripetuti attacchi e insulti da parte di alcuni consiglieri comunali, ai quali la presidente Emanuela Serra non ha ritenuto di porre alcun freno, ho deciso oggi di abbandonare l’aula consiliare. È da molti mesi che i lavori del Consiglio comunale sono caratterizzati da un forte degrado del linguaggio, dei contenuti e dei metodi di gestione, sino al voto che ha portato, dopo quattro sedute appositamente convocate, alla decadenza della consigliera Giuseppina Salerno, con la decisione del Consiglio subito sospesa dal Tribunale Amministrativo Regionale della Sicilia. Come se ciò non fosse bastato, si è deciso di ritornare sul tema per imporre la costituzione del Comune, a sostegno della decisione del Consiglio, avverso il ricorso della consigliera Salerno. Ciò in violazione del testo unico sugli Enti Locali e del regolamento del Consiglio comunale che assegna al sindaco, su esclusivo mandato della Giunta e sentito il parere degli uffici, il potere di costituirsi in giudizio. L’opposizione continua a fare scempio delle regole e delle norme statutarie, con l’unico obiettivo di attaccare l’Amministrazione. Con la stagione estiva già avviata e l’organizzazione dei servizi in corso c’è chi pensa solo a manovre politiche, di palazzo e di basso livello, non avendo i numeri in Consiglio per sfiduciare il sindaco. Se un Consiglio comunale andava convocato d’urgenza, lo si doveva fare per discutere dell’inchiesta che ha portato Favignana alla ribalta nazionale per il livello di infiltrazioni mafiose e corruzione. Invece su questo tema si è levata solo la voce del sindaco e dell’Amministrazione, nel silenzio assordante di tutti i partiti e del Consiglio comunale. Per quanto ci riguarda, andremo avanti per dare risposte ai cittadini nel rispetto della trasparenza e della legalità”. 

A proposito di Nicola Donato

"Essere scettici, realistici e prudenti è assolutamente necessario, altrimenti non si potrebbe fare il giornalismo". Il pensiero di Kapuscinski è anche il mio. Fin da piccolo sono stato sempre appassionato di giornalismo. A scuola fondai un giornalino dal nome "Fatti e idee". La mia passione fu alimentata negli anni novanta, in piena età adolescenziale, da mio padre che conduceva trasmissioni radiofoniche di carattere sportivo presso l’emittente marsalese Radio Azzurra. La passione per il giornalismo cominciò a diventare anche un lavoro a partire dal 2005. Ecco, in rapida successione, le mie esperienze maturate nel campo giornalistico: 2005 – 2007 Conduttore televisivo emittente Canale 2 Marsala; 2007 – 2012 Redattore presso il quotidiano “Il Corriere Trapanese”; 2012-2014 Telecronista Ermes Tv Marsala; 2014 a tutt’oggi direttore del periodico cartaceo “Leggo Città Marsala”; Dal 2015 a tutt’oggi conduttore televisivo presso l’emittente televisiva Canale 2 Marsala; Dal 2022 direttore dell'emittente televisiva Canale 2. Dal primo dicembre del 2019 Leggo Città ha stretto una collaborazione con un gruppo editoriale locale permettendo la nascita di Trileggo di cui ne sono il Direttore. 14/10/2018 Premiato come ospite d'onore alla 19ma edizione del premio Europeo Tindari; 16/01/2021 conferimento d'onore da parte della Fondazione Internazionale Papa Clemente XI di Tirana (Albania) quale membro d'onore per proficua attività giornalistica svolta.

Vedi anche

Una marsalese al G7 di Puglia 2024

Un po’ di marsala anche al G7 di oggi. E’ la marsalese Barbara Maria classe …