sabato , 22 Gennaio 2022

Marsala, Il Sindaco incontra Musumeci. Ecco le tante domande che non avranno risposta

La presentazione del libro su Pietro Pizzo, in programma a Marsala, a Palazzo VII Aprile, è stata rinviata. Un evento a cui avrebbe partecipato il Sindaco di Marsala Massimo Grillo e anche il Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. Un evento che veniva descritto con “ingresso libero e gratuito”. L’attenzione, infatti, era tanta. Sia da parte della cittadinanza che della stampa. Ci si chiede ancora come mai qualcuno abbia deciso di organizzare l’iniziativa e soprattutto in questo periodo così delicato per la città. Gli eventi pubblici sono stati annullati in tutta Italia e la città di Marsala, attualmente conta più di 2mila casi Covid. Il Senatore Pietro Pizzo ha poi deciso di annullare tutto proprio per motivi legati al Covid. Il Sindaco Grillo ha annunciato sulla sua pagina il ritorno sui banchi di scuola in presenza, dopo aver scaricato la responsabilità sul Governo Regionale che non avrebbe preso una decisione, a differenza di altri sindaci che invece hanno firmato un’ordinanza per prorogare il rientro a scuola. Nonostante il via libera della Regione, il Sindaco di Catania, per esempio, ha rinviato l’inizio delle lezioni in presenza, chiudendo gli istituti di ogni ordine e grado a causa dell’elevato numero di contagi e dell’insufficiente sicurezza per studenti e alunni. Le scuole di Marsala sarebbero quindi più sicure e nel rispetto delle misure anti-covid? Purtroppo non è così. Molte strutture sono fatiscenti, mancano i sistemi di aereazione e gli insegnanti sono costretti a tenere le finestre aperte anche durante le stagioni fredde, pure quando piove. Gli assembramenti avvengono, soprattutto quando gli alunni escono dalle strutture. I genitori temono che il virus possa entrare nuovamente nelle proprie case perché ogni ragazzo che frequenta un istituto scolastico ha alle spalle una famiglia con genitori, fratelli, sorelle che studiano e lavorano. Molti altri hanno nonni con situazioni di fragilità. Il tampone di controllo agli operatori scolastici, ai ragazzi, in una prospettiva più larga di possibile propagazione del virus, può rivelarsi inutile perché teoricamente sarebbe opportuno estendere il controllo a tutte le famiglie. E’ da ritenersi sufficiente il distanziamento del banco per evitare il contagio? Certamente rischia di essere vanificato in poco tempo con gli assembramenti nel momento in cui suona la campanella e i ragazzi entrano a scuola, oppure quando escono o in altri casi nel momento in cui salgono nei mezzi pubblici. In una prospettiva del genere, come si possono evitare eventuali contagi? Domande a cui, al momento, non sembrano arrivare risposte. Già, proprio perché il Sindaco non ha rilasciato interviste sulla questione e si è espresso soltanto attraverso comunicati stampa oppure video messaggi per gli auguri di Natale. Non c’è stato ancora alcun confronto pubblico con la città o con la stampa. Non sembra voler esserci l’interesse nel creare un dibattito pubblico per sciogliere quei nodi che sembrano ormai aver intaccato profondamente anche la maggioranza di consiglieri comunali che lo hanno sostenuto sin dall’inizio ma che adesso, invece, hanno cambiato . L’equilibrio ormai si sta rompendo. L’incontro fra l’amministrazione Grillo e Musumeci poteva essere un’occasione per consentire alla stampa di intervenire su questioni importanti come per esempio l’Ospedale di Marsala ormai saturo e quel padiglione per le malattie infettive, persino inaugurato con tanto di sfilate e passerelle, ma mai realizzato: che fine ha fatto? Quando verrà realizzato? Quali sono le tempistiche? E’ realmente utile per la città di Marsala un padiglione che inizialmente prevedeva ben 100 posti letto e oggi ne dovrebbe prevedere soltanto 16? Quando dovrebbe essere completato? Che vengano indicate delle tempistiche specifiche d una città che vuole risposte e non promesse. L’USCA si trova in grave difficoltà, con un personale insufficiente, composto da tre persone, che non riesce a gestire le numerose richieste che arrivano ogni giorno. Quando verrà potenziato il servizio? Perché non incrementare il numero di drive-in per i tamponi su tutto il territorio marsalese? Perché non aumentare il numero di hub-vaccinali? Al Presidente avremmo chiesto anche se la Sicilia rimarrà ancora Zona Gialla oppure se c’è l’intenzione di rafforzare ulteriormente le misure e quindi cambiare colore? I casi aumento e la sanità ormai è ai ferri corti. Se si, quando? Quali sono le misure che si vogliono mettere in atto per la città di Marsala e per la Sicilia? Quali sono le risposte che vorrebbero dare ai cittadini il Sindaco Grillo e il Governatore Musumeci? Domande che non avranno risposta, perché l’amministrazione Grillo ha deciso ancora una volta di trincerarsi nel silenzio, non confrontandosi con la stampa e con i cittadini, senza spiegare quanto sta accadendo in una città che meriterebbero delle risposte concrete e non delle promesse mancate. Un’occasione di confronto mancata, l’ennesima, purtroppo…

A proposito di Angelo Barraco

Angelo Barraco, classe 89, è un giornalista siciliano, precisamente di Marsala, in provincia di Trapani. Curioso, attento ai dettagli, negli anni ha collaborato per numerose testate giornalistiche territoriali, nazionali, internazionali, sia cartacee che web. Ha scritto di politica, attualità, economia, territorio, cronaca nera, recensioni letterarie e musica. Ha intervistato molti importanti esponenti della società contemporanea che hanno tracciato un solco indelebile nella cultura e nella storia moderna.

Vedi anche

Al via la campagna nazionale “No al patto di stabilità” – La Uil Trapani promuove sul territorio l’iniziativa sindacale contro l’austerità

“Nelle ultime settimane – afferma il segretario generale Uil Trapani Eugenio Tumbarello – la Commissione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *