lunedì , 29 Novembre 2021

Atletica Leggera – I Cadetti del Real Paceco ai Campionati Italiani – Intervista al Prof. Pino Barbata

VINCENZO SAMMARTANO – I Campionati Italiani FIDAL Individuali e per le Regioni, Categoria Cadetti, si svolgeranno a Parma il 2 ed il 3 di Ottobre. La Sicilia verrà rappresentata nel mezzofondo da Luca e Marco Coppola, tesserati del Real Paceco, compagine allenata dal Prof. Pino Barbata.

Prof. Barbata, dove porterete il vessillo del Real Paceco il prossimo week end?

Il Prossimo week end saremo a Parma, allo Stadio di Atletica Lauro Grossi. I nostri ragazzi sono stati convocati per rappresentare la Sicilia. Marco gareggerà nei 2000 metri grazie ad un personale di 5’51’’90’’’, che è il quarto tempo in Italia e primo dei 2007.

Luca è stato convocato nei 1200 siepi e vanta un personale di 3’27’’. Sia Marco che Luca sono stati campioni regionali nella passta stagione nella categoria Ragazzi.

Non sono i primi atleti del Real Paceco a calcare le piste in palcoscenici importanti.

Sia per Marco che per Luca, questa sarà la prima esperienza a livello nazionale. Il Real Paceco è stata già presente nel Campionato Nazionale FIDAL categoria Allievi con Gilda Arceri. Nella sicilia occidentale ci sono diversi ragazzi che stanno facendo molto bene. Da responsabile regionale per la sicilia occidentale per il mezzofondo, sono molto contento e orgoglioso di questi traguardi e di come il movimento stia crescendo.

Come ci si prepara per un traguardo così importante?

Dietro questi traguardi ci sono tanti sacrifici, tanti allenamenti e tante rinunce. Eravamo spesso concentrati negli allenamenti e per fare un esempio, questo significava limitare le volte che questi ragazzi potevano andare al mare. Dalle 2 alle 3 volte durante la settimana. Per ragazzi di 14 anni sono rinunce importanti che fanno capire che quando l’atletica è fatta bene, dietro i risultati ci sono sacrifici e rinunce. Questa è una lezione di vita fondamentale che va oltre il singolo evento sportivo.  

Paceco e l’Atletica. Cosa mi dici di questo binomio?

Domenica a Paceco, in Piazza Vittorio Emanuele c’è stata la festa del mezzofondo. Manifestazione inserita nella Settimana Europea dello Sport. C’erano ragazzi dai 6 anni ai 15 anni. Noi tecnici. I genitori dei giovani atleti. Ma anche tanta gente comune, che è venuta ad assistere questo evento. Abbiamo avuto l’onore di avere con noi ragazzi che venivano da Partinico, da Palermo e da Altofonte. Questa manifestazione era da tre anni che non si svolgeva più. Ma finalmente l’amministrazione comunale di Paceco si è resa conto di quanto importante sia una manifestazione dove si riesce a portare in piazza oltre un centinaio di atleti con tante famiglie al seguito. Ci sono tante società in provincia di Trapani che stanno lavorando tanto. Ci siamo noi del Real Paceco, l’Atletica Sprint, Valderice, Cinque Torri. Ma anche le amministrazioni comunali, devono prendere coscenza che l’Atletica è una risorsa che può avere ricadute positive per le attività turistiche e ricettive.

Quali sono i vostri obiettivi.

Cercheremo di controllare l’adrenalina e cercheremo di arrivare tra i primi 8 in Italia. Questo sarà un importante trampolino per futuri impegni di carattere nazionale. Ma importante sarà rappresentare la nostra regione con il massimo impegno. Eventi di questo tipo ci aiutano a crescere come individui e come società.

Allora ci sentiamo dopo le gare. Ci lasciamo con un … in bocca al lupo.

Se puoi sognarlo puoi farlo. I ragazzi stanno sognando. Crepi il lupo.

A proposito di Nicola Donato

"Essere scettici, realistici e prudenti è assolutamente necessario, altrimenti non si potrebbe fare il giornalismo". Questa teoria di Kapuscinski la condivido tantissimo.Sono stato un appassionato di giornalismo fin da piccolo, tanto che fondai a scuola un giornalino dal nome "Fatti e idee". La mia passione fu alimentata negli anni novanta, in piena età adolescenziale, da mio padre che conduceva trasmissioni radiofoniche di carattere sportivo presso l’emittente marsalese Radio Azzurra. La passione per il giornalismo cominciò a diventare anche un lavoro a partire dal 2005. Ecco le mie esperienze maturate in rapida successione: 2005 – 2007 Conduttore televisivo emittente Canale 2 Marsala; 2007 – 2012 Redattore presso il quotidiano “Il Corriere Trapanese”; 2012-2014 Telecronista Ermes Tv Marsala; 2014 a tutt’oggi direttore del periodico cartaceo “Leggo Città Marsala”; Dal 2015 a tutt’oggi conduttore televisivo presso l’emittente televisiva Canale 2 Marsala; Dal primo dicembre del 2019 Leggo Città ha stretto una collaborazione con un gruppo editoriale locale permettendo la nascita di Trileggo di cui ne sono il Direttore. 14/10/2018 Premiato come ospite d'onore alla 19ma edizione del premio Europeo Tindari; 16/01/2021 conferimento d'onore da parte della Fondazione Internazionale Papa Clemente XI di Tirana (Albania) quale membro d'onore per proficua attività giornalistica svolta.

Vedi anche

MARSALA. DA OGGI IN SERVIZIO QUATTRO NUOVI FUNZIONARI A TEMPO DETERMINATO

Hanno preso servizio oggi al Comune di Marsala quattro nuovi funzionari, due dell’area tecnica e …