giovedì , 29 Ottobre 2020

Marsala, ecco i consiglieri eletti. Il Sindaco: “i nostri auguri con l’auspicio che ciascuno possa adempiere alle proprie funzioni”

L’Ufficio Centrale per l’elezione del Sindaco e dei Consiglieri, presieduto dalla giudice Caterina Greco, ha proceduto all’assegnazione dei seggi alle coalizioni ed alle liste. “A nome dell’Amministrazione Comunale porgo ai neo consiglieri i nostri auguri con l’auspicio che ciascuno possa adempiere alle proprie funzioni con scrupolo e coscienza nell’interesse del Comune di Marsala ed in armonia agli interessi della Regione Siciliana e della Repubblica Italiana”, scrive il Sindaco Massimo Grillo sulla sua pagina facebook.

I ventuno consiglieri eletti di Maggioranza che varcheranno l’ingresso di Palazzo VII Aprile sono: Vito Milazzo, Piero Cavasino, Lele Pugliese, Pino Ferrantelli, Rosanna Genna, Antonio Vinci, Eleonora Milazzo, Oreste Alagna (assessore designato, dovrebbe quindi cedere il posto a Gaspare Di Girolamo, quarto nella lista UDC con 637 preferenze), Michele Accardi, Giancarlo Bonomo, Massimo Felice Fernandez, Ivan Gerardi, Leo Orlando, Andrea Marino, Enzo Sturiano, Elia Martinico, Gabriele Di Pietra, Piergiorgio Giacalone, Vanessa Titone, Walter Alagna, Flavio Coppola.

L’opposizione è composta invece da tre consiglieri: Nicola Fici, Rino Passalacqua e il Sindaco uscente Alberto Di Girolamo che nel caso in cui ufficializzasse la sua rinuncia, subentrerebbe Mario Rodriquez. Quale sarà la scelta dell’ex Sindaco? “Ora è tempo di pensare al domani e di lasciare spazio ad una nuova classe dirigente fatta di giovani preparati e volenterosi, pronti a dare il proprio contributo per costruire il futuro” scriveva sui social Di Girolamo il 5 ottobre scorso. In questi primi giorni di insediamento è successo di tutto: l’Amministrazione Grillo sta valutando con i tecnici comunali la possibilità di attuare il doppio senso di marcia allo Stagnone. Una vicenda che non è certamente passata inosservata all’ex Sindaco, che sui social ha parlato subito di “primo esempio di una politica fatta nell’interesse di pochi, piuttosto che nell’interesse dell’intera collettività”.

Non è tutto, un altro argomento “caldo” di questi giorni riguarda l’Ospedale di Marsala “Paolo Borsellino” che è diventato nuovamente Covid Hospital, proprio come lo era nel fine marzo scorso. L’annuncio è stato dato dal Sindaco Massimo Grillo. Eppure in campagna elettorale i toni erano decisamente diversi e la stessa Eleonora Lo Curto,
capogruppo Udc all’Assemblea regionale siciliana, affermava nella prima decade di settembre che: “Marsala non avrà ancora un ospedale Covid, la nuova riorganizzazione ospedaliera obbligata dall’aumento dei casi registrati negli ultimi giorni indica il nosocomio di Mazara del Vallo quale centro dove predisporre i nuovi posti letto di terapia intensiva e sub-intensiva per assistere i soggetti ricoverati per il coronavirus. La nostra città ha già dato molto, con il “Paolo Borsellino” durante il lockdown e nella fase più critica della pandemia, ora il nostro ospedale può affrontare tutte le altre emergenze e patologie”. Nel corso della campagna elettorale appena conclusa, infatti, il neo Sindaco e la sua squadra puntavano l’attenzione sull’ospedale di Mazara del Vallo, definendolo come il nuovo Covid Hospital della provincia. Cos’è successo poi? L’Ospedale di Mazara adesso  è pieno, non ha più posti letto. Nel corso di questa campagna elettorale l’ex Sindaco Di Girolamo aveva sollevato la questione e aveva parlato di Razza e dell’ospedale di Mazara: “rivolgendosi alla regione, disse: “cosa hanno fatto? Niente!”. In merito all’apertura del Covid Hospital a Mazara disse: “ma a Mazara non ci sono nemmeno i percorsi, non c’è nemmeno il reparto di rianimazione..cosa faranno non lo so”.

Rivolgendosi all’assessore Razza invece, l’ex Sindaco Di Girolamo affermava: “Cosa ha fatto l’assessore Razza? Il vuoto assoluto. Ma si può gestire la sanità in questo modo?”.  Nel maggio scorso, ricordiamo, l’assessore Razza aveva visitato la vecchia struttura ospedaliera del San Biagio, ormai abbandonata a se stessa, dicendo che li sarebbe sorto il nuovo Covid Hospital per tutta la provincia. La nuova amministrazione, nel corso della campagna elettorale, ha sottolineato spesso che la nostra città “ha già dato molto”.

Viste queste premesse e gli stravolgimenti che si sono succeduti negli ultimi giorni, alla luce delle sue immediate reazioni, quale sarà la decisione di Alberto Di Girolamo? Raccoglierà l’invito del neo Sindaco a continuare questo percorso politico in qualità di consigliere di opposizione oppure proseguirà sulla sua linea rimanendo quindi fuori da “Sala delle Lapidi”?

A proposito di Angelo Barraco

Angelo Barraco, classe 89, è un giornalista siciliano, precisamente di Marsala, in provincia di Trapani. Curioso, attento ai dettagli, negli anni ha collaborato per numerose testate giornalistiche territoriali, nazionali, internazionali, sia cartacee che web. Ha scritto di politica, attualità, economia, territorio, cronaca nera, recensioni letterarie e musica. Ha intervistato molti importanti esponenti della società contemporanea che hanno tracciato un solco indelebile nella cultura e nella storia moderna.

Vedi anche

Coronavirus: scontri a Palermo tra manifestanti e Polizia

Nella tarda mattinata del 28 ottobre, ci sono state proteste pacifiche di scuolabus e taxi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *