domenica , 21 Luglio 2024

Giulia Adamo: ” Marsala trattata con sciatteria in uno spot promozionale della provincia di Trapani”

Nei giorni scorsi, il Distretto Turistico Sicilia Occidentale ha presentato pubblicamente uno spot per la promozione della provincia di Trapani. Un’iniziativa sicuramente meritoria, se non fosse che ancora una volta ci ritroviamo a prendere atto, con amarezza, della sciatteria con cui viene trattata Marsala. Nello spot, infatti, il nome della più grande città della
provincia compare soltanto in rapida rotazione nei secondi finali, mentre uno spazio decisamente maggiore viene dato a Segesta, Mazara, Custonaci e Trapani. Una riflessione a parte merita il passaggio dedicato a Paceco, paragonato a Zanzibar per le sue saline: senza nulla togliere si suggestivi scorci di Nubia, è noto a tutti che le saline più apprezzate dai
visitatori in provincia di Trapani siano quelle di Marsala, all’interno della Riserva dello Stagnone, che con i suoi mulini, Mozia, Isola Lunga, Schola e Santa Maria, racchiude in pochi chilometri quadrati uno degli scenari naturalistici più belli della Sicilia.
L’esclusione dallo spot di Marsala e delle sue bellezze rappresenta l’ennesima onta subita da questo territorio e l’ennesima dimostrazione della marginalità politica che vive la nostra città.
Chiediamo al Distretto e all’Amministrazione Comunale di chiarire com’è maturata una scelta di questo genere nella convinzione che le attività promozionali portate avanti in maniera sinergica siano potenzialmente utili, purchè vengano condotte in maniera condivisibile. Viceversa, il Distretto finirà nel giro di poco tempo per svuotarsi di valore, costituendo, ancora una volta, un’occasione persa per lo sviluppo dell’economia locale.
Riprendendo, dunque, le proposte programmatiche della nostra coalizione, riteniamo che Marsala dovrebbe, prima di ogni cosa, creare e definire una propria identità di Destinazione Turistica da veicolare attraverso un brand cittadino. Dopo di che potrà fare rete con il territorio ed investire le proprie risorse all’interno di una operazione collettiva come quella proposta dal Distretto.
Giulia Adamo

A proposito di Nicola Donato

"Essere scettici, realistici e prudenti è assolutamente necessario, altrimenti non si potrebbe fare il giornalismo". Il pensiero di Kapuscinski è anche il mio. Fin da piccolo sono stato sempre appassionato di giornalismo. A scuola fondai un giornalino dal nome "Fatti e idee". La mia passione fu alimentata negli anni novanta, in piena età adolescenziale, da mio padre che conduceva trasmissioni radiofoniche di carattere sportivo presso l’emittente marsalese Radio Azzurra. La passione per il giornalismo cominciò a diventare anche un lavoro a partire dal 2005. Ecco, in rapida successione, le mie esperienze maturate nel campo giornalistico: 2005 – 2007 Conduttore televisivo emittente Canale 2 Marsala; 2007 – 2012 Redattore presso il quotidiano “Il Corriere Trapanese”; 2012-2014 Telecronista Ermes Tv Marsala; 2014 a tutt’oggi direttore del periodico cartaceo “Leggo Città Marsala”; Dal 2015 a tutt’oggi conduttore televisivo presso l’emittente televisiva Canale 2 Marsala; Dal 2022 direttore dell'emittente televisiva Canale 2. Dal primo dicembre del 2019 Leggo Città ha stretto una collaborazione con un gruppo editoriale locale permettendo la nascita di Trileggo di cui ne sono il Direttore. 14/10/2018 Premiato come ospite d'onore alla 19ma edizione del premio Europeo Tindari; 16/01/2021 conferimento d'onore da parte della Fondazione Internazionale Papa Clemente XI di Tirana (Albania) quale membro d'onore per proficua attività giornalistica svolta.

Vedi anche

“Il mare colore dei libri”: tutti gli incontri

Dal 26 al 28 luglio San Pietro ospiterà il Festival che promuove l’editoria contemporanea E’ …