martedì , 28 Giugno 2022

Il Nucleare ed il suo ruolo nella transizione energetica

VINCENZO SAMMARTANO – Era il dicembre del 2021. Si parlava di transizione energetica. Si parlava di mettere al bando i fossili. Anche con una buona dose di superficialità. Infatti, dopo qualche mese, l’invasione Russa in Ucraina ci ha riportato tutti con i piedi per terra. Anzi, di più. Si è scatenato il panico. E se la Russia chiude i rubinetti del gas? Ed il petrolio? Come facciamo senza. Alla faccia dei buoni propositi green di fine anno.

Quando si parla di energia e di transizione, da un lato c’è una parte emotiva che ripete: “abbandoniamo i fossili. Oggi. Non domani.”

Ma dall’altra parte c’è la consapevolezza basata sulla razionalità e sulla tecnologica che ci dice chiaramente che i fossili ci accompagneranno per altri decenni ancora. Tre. Forse quattro decenni. Con un impatto sempre minore a secondo di quanto saremo bravi a programmare la transizione energetica.

Senza emotività. Senza pregiudizi. Senza ideologie. Su questa base, il potenziale del Nucleare deve essere discusso in maniera seria. Ripeto. Senza emotività o ideologie.

Le rinnovabili daranno il loro importante contributo nella diminuzione di emissione di CO2, anche se difficilmente riusciranno a coprire il 100% del fabbisogno energetico italiano, considerando anche l’intermittenza che può avere un impianto eolico o solare. Con il primo che produce energia quando c’è vento mentre il secondo che produce energia quando c’è sole.

L’alternativa ai fossili su larga scala ancora non esiste. Esiste la possibilità di creare un mix energetico che sia sostenibile dal punto di vista ambientale, economico e tecnologico. Se vogliamo diminuire le emissioni di CO2 non possiamo continuare a non considerare il nucleare come fonte energetica del futuro.

Ma dobbiamo mettere da parte la paura. Spesso infondata e alimentata da tuttologi che di fisica o di ingegneria sanno poco o nulla.

La mancata di conoscenza ci porta ad avere paura. Una paura a volte smisurata ed eccessiva. Un po’ come accadeva quando si era piccoli e si aveva paura di entrare in una stanza buia. Perché c’era l’uomo nero. Bene. L’uomo nero oggi non è il nucleare. L’uomo nero, oggi, si manifesta in tutta la sua potenza distruttiva nel riscaldamento climatico.

Dal giorno del referendum sul nucleare, la tecnologia ha fatta passi da gigante. La paura del nucleare è invece rimasta invariata negli anni. Tante nazioni stanno seriamente pensando ad investire nelle centrali nucleari di nuova generazione. In alcuni casi piccole. Modulari. Di semplice fabbricazione e costruzione.

Il nucleare in futuro sarà una importante fonte energetica in molti paesi ed aiuterà a ridurre le emissioni di CO2. L’Italia, pesantemente dipendente dall’estero per quanto riguarda il fabbisogno energetico, dovrà decidere su quale mix energetico puntare per il prossimo futuro.

Non è una scelta che si può ancora posticipare. Non possiamo continuare a essere quasi totalmente dipendenti dall’estero dal punto di vista energetico.

Non possiamo continuare a far vincere la paura. La politica ha il dovere di indicare la strada per un futuro a basso impatto ambientale e con una minore dipendenza dall’estero. Per l’Italia così come per quei paesi che fino ad oggi hanno dormito, le bombe sull’Ucraina sono come la sveglia la mattina. È l’ora delle scelte. Ed ogni scelta vive dei suoi pro e contro. Dei suoi rischi e delle sue opportunità.

A proposito di Nicola Donato

"Essere scettici, realistici e prudenti è assolutamente necessario, altrimenti non si potrebbe fare il giornalismo". Il pensiero di Kapuscinski è anche il mio. Fin da piccolo sono stato sempre appassionato di giornalismo. A scuola fondai un giornalino dal nome "Fatti e idee". La mia passione fu alimentata negli anni novanta, in piena età adolescenziale, da mio padre che conduceva trasmissioni radiofoniche di carattere sportivo presso l’emittente marsalese Radio Azzurra. La passione per il giornalismo cominciò a diventare anche un lavoro a partire dal 2005. Ecco, in rapida successione, le mie esperienze maturate nel campo giornalistico: 2005 – 2007 Conduttore televisivo emittente Canale 2 Marsala; 2007 – 2012 Redattore presso il quotidiano “Il Corriere Trapanese”; 2012-2014 Telecronista Ermes Tv Marsala; 2014 a tutt’oggi direttore del periodico cartaceo “Leggo Città Marsala”; Dal 2015 a tutt’oggi conduttore televisivo presso l’emittente televisiva Canale 2 Marsala; Dal 2022 direttore dell'emittente televisiva Canale 2. Dal primo dicembre del 2019 Leggo Città ha stretto una collaborazione con un gruppo editoriale locale permettendo la nascita di Trileggo di cui ne sono il Direttore. 14/10/2018 Premiato come ospite d'onore alla 19ma edizione del premio Europeo Tindari; 16/01/2021 conferimento d'onore da parte della Fondazione Internazionale Papa Clemente XI di Tirana (Albania) quale membro d'onore per proficua attività giornalistica svolta.

Vedi anche

Star Cycling Lab ben figura durante tutto il week end

Star Cycling Lab protagonista durante tutto il week end senza però cogliere nessun podio!  Il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.