lunedì , 27 Settembre 2021

Intervista a Linda licari sulla questione dell’ospedale, dei rifiuti e dello Stadio

Pubblichiamo un estratto della video intervista con Linda Licari, referente del Circolo online Nilde Iotti ed ex Consigliere Comunale, andata in onda attraverso i nostri canali social. Linda Licari rimane  una persona molto attiva nella vita politica marsalese nonostante non sieda a Sala delle Lapidi.

Iniziamo con la Sanità e con l’ospedale di Marsala.

Purtroppo dobbiamo dire che ci saremmo aspettati il riavvio dell’ospedale così come aveva promesso il Sindaco (Massimo Grillo n.d.r.) che ha interloquito con con la Regione e con con l’ASP. Dal 1 luglio avevano assicurato ci sarebbe stato il ripristino di tutti i reparti del Paolo Borsellino. […].  Quello che a cui assistiamo è un lentissimo ripristino di questi reparti. Voglio ricordare ad esempio senologia, cardiologia e urologia. […]. Purtroppo voglio ribadire che se c’è un’emergenza noi ci troviamo senza un ospedale. Questo in estate non può verificarsi. Le promesse che hanno fatto sono state ancora una volta disattese e siamo oggi al 16 di luglio e Marsala, città di 100.000 abitanti nel periodo estivo tra turisti, gente che lavora fuori e studenti (fuorisede n.d.r.) che tornano si trovano al momento senza un ospedale […].

Ci sono notizie per quanto riguarda il padiglione per le malattie infettive?

No assolutamente. Anche a vista d’occhio siamo tutti nelle condizioni di poter verificare che non c’è una squadra che lavora per terminare i posti letto riservati alle malattie infettive e poter avere tutti noi marsalesi il nostro ospedale. Continuiamo ad essere presi in giro e la cosa più grave è che abbiamo è un’amministrazione che è dello stesso colore politico della giunta regionale. Abbiamo una delegazione maralese che ci rappresenta. Non dico che ci saremmo aspettati miracoli perché sappiamo tutti le difficoltà che ci sono nell’amministrare e nel gestire il Covid. Sappiamo benissimo quello che che ha significato la pandemia per tutti i settori soprattutto per la salute dei cittadini. Però questo è un’ennesima beffa per i cittadini marsalesi. Noi vogliamo rivogliamo il nostro ospedale. […].

Parliamo delle discariche a cielo aperto nella nostra città, soprattutto nelle periferie. Un problema che c’era

nelle precedenti amministrazioni. Purtroppo un problema che si trascina da anni un problema che però sembra paradossalmente in alcuni punti della città anche in aumento. E preoccupano i quartieri popolari

Può sembrare che siamo troppo critici anche solo per presa di posizione politica. Però è stata una grandissima delusione la gestione dei rifiuti fino ad oggi. Ricordiamo i grandi appelli dell’allora candidato sindaco Massimo Grillo. E’ passato un anno da quei video che giravano e che promettevano di avere le soluzioni in tasca per risolvere il problema dell’abbandono dei rifiuti. Noi che eravamo ad amministrare da 5 anni eravamo coscienti delle ragioni che determinavano questi abbandoni. Non ci vuole tanto a capirlo. Si sono succeduti nei negli ultimi giorni delle interviste e delle dichiarazioni prima da parte dell’assessore all’ambiente che chiedeva aiuto, addirittura, a chi voleva proporre soluzioni, perché non sapeva più dove metterci mano. Poi la dichiarazione del Sindaco Grillo, che tra l’altro ha dato anche dei dati sbagliati, dove parlava di 9000 addirittura utenti e di fatto sono molto meno. Però sanno benissimo chi sono gli utenti che non hanno mai ritirato i mastelli. La precedente amministrazione ha lasciato un elenco e grazie a questo sistema che si era avviato si è tutti nelle condizion di conoscere benissimo nome e cognome di chi non ha ritirato i mastelli. Inoltre con questo sistema si sono auto dichiarati oltre 2000 utenti nuovi. […].

Ultimo argomento. Impiantistica sportiva. Noi di TriLeggo, forse gli unici ad aver affrontato la tematica relativa al Nino Lombardo Angotta, chiuso da 7 mesi. Nonostante il pressing dell’assessore allo sport, dottor Gandolfo, ad oggi non sono iniziati i lavori per la sistemazione dello stadio. Come consequenza potrebbe sfuggire l’opportunità dell’imprenditore Onorio, che ha deciso di investire nel calcio a Marsala. Poi ricordiamoci che lo stadio non è soltanto la casa del del calcio ma ospita anche altre discipline sportive.

La cosa che più ci allarma in questo momento è che non possiamo abbandonare un progetto di 800.000 € che prevedeva il prato sinteticoe la pista di Atletica. Ricordiamo che non parliamo solo di calcio, ma lo stadio veniva utilizzato anche dall’atletica leggera. C’erano bambini che si andavano ad allenare. C’erano le scuole. […].

Per quanto riguarda il finanziamento relativo al terreno di gioco gli 800.000 € i 200.000 € che deve mettere il comune so che sono stati messi a bilancio. I 600.000 €, sono bloccati a Palermo.

Torno di nuovo su quel discorso e mi dispiace dire sempre le stesse cose. Abbiamo una delegazione che dovrebbe interessarsi degli problemi della città. Altrimenti perché ce li mandiamo gli onorevoli alla Regione. Tra l’altro, che hanno dei riferimenti in questa giunta locale. Perché non si riesce a fare pressione. Fatevi sentire, faccio un appello ai nostri onorevoli ed ai nostri assessori locali, perché quando ci si trova poi ad amministrare i nodi vengono al pettine.

Lo stadio non è chiuso perché ci devono essere fatti dei lavori da parte del comune, soprattutto per quanto riguarda l’impianto elettrico. Interventi che deve fare direttamente il comune al più presto altrimenti rischiamo di di rimanere senza calcio.

In passato ho visto anche il Presidente del Consiglio (Enzo Sturiano n.d.r.) che si era attivato. Adesso mi sembra strano perchè Michele Gandolfo è sempre stato attivissimo. Ma gli assessori vanno sostenuti altrimenti vuol dire che non hanno nemmeno rappresentanti in consiglio comunale. Io non sento più nessuno parlare di sport. In consiglio comunale non è più un problema il calcio e neanche gli altri Sport che comunque sono sempre stati sottovalutati. Quindi mi auguro davvero che ci attivino un po tutti e non si arrivi proprio all’ultimo giorno.

A proposito di Nicola Donato

"Essere scettici, realistici e prudenti è assolutamente necessario, altrimenti non si potrebbe fare il giornalismo". Questa teoria di Kapuscinski la condivido tantissimo.Sono stato un appassionato di giornalismo fin da piccolo, tanto che fondai a scuola un giornalino dal nome "Fatti e idee". La mia passione fu alimentata negli anni novanta, in piena età adolescenziale, da mio padre che conduceva trasmissioni radiofoniche di carattere sportivo presso l’emittente marsalese Radio Azzurra. La passione per il giornalismo cominciò a diventare anche un lavoro a partire dal 2005. Ecco le mie esperienze maturate in rapida successione: 2005 – 2007 Conduttore televisivo emittente Canale 2 Marsala; 2007 – 2012 Redattore presso il quotidiano “Il Corriere Trapanese”; 2012-2014 Telecronista Ermes Tv Marsala; 2014 a tutt’oggi direttore del periodico cartaceo “Leggo Città Marsala”; Dal 2015 a tutt’oggi conduttore televisivo presso l’emittente televisiva Canale 2 Marsala; Dal primo dicembre del 2019 Leggo Città ha stretto una collaborazione con un gruppo editoriale locale permettendo la nascita di Trileggo di cui ne sono il Direttore. 14/10/2018 Premiato come ospite d'onore alla 19ma edizione del premio Europeo Tindari; 16/01/2021 conferimento d'onore da parte della Fondazione Internazionale Papa Clemente XI di Tirana (Albania) quale membro d'onore per proficua attività giornalistica svolta.

Vedi anche

Marsala, terza giornata degli Stati Generali dell’Export. Luigi Di Maio: “dobbiamo aiutare soprattutto gli enti territoriali”

FOTO: Angelo Barraco Si è ufficialmente conclusa la terza edizione degli Stati Generali dell’Export che …