lunedì , 21 Settembre 2020

“A Scurata”, Luana Rondinelli e I Musicanti di Gregorio Caimi incantano la Salina Genna con la storia di Francesca Serio

Lo spettacolo “Sciara – Prima c’agghiorna” è andato in scena alla Salina Genna di Marsala, all’interno di uno degli undici appuntamenti della terza edizione della rassegna “a Scurata… cunti e canti al calar del sole – Memorial Enrico Russo”, promossa dal Movimento Artistico Culturale della città di Marsala, tra i colori che graffiavano il cielo è stato tratto dal romanzo storico “Francesca Serio. La madre” di Franco Blandi. Le scenografie sono di Sara Cuttone, con la regia di Giovanni Carta. L’attrice Luana Rondinelli, autrice dei testi, ha interpretato magistralmente una mamma coraggio che ha lottato contro il tempo. Una mamma moderna che si è scontrata con gli stereotipi femminili di un’epoca ancora troppo acerba.

Ci sono porte che si aprono all’orizzonte del ricordo. Fessure scavate nel legno che scrutano da lontano i movimenti di quello che è stato e di quello che sarà. Occhi stanchi ma attenti, provati ma presenti, come quelli di Francesca Serio, donna di altri tempi, che l’hanno resa figlia di una Sicilia lontana e ormai dimenticata nel tempo. Una donna che non ha mai dimenticato la gioia del parto, quando ha messo al mondo il suo Salvatore “Turiddru” Carnevale. Un dolore che le ha squarciato il ventre e la schiena in due, ma che l’ha resa la donna più felice del mondo.

Gli occhi di una mamma che non hanno mai smesso di brillare per quel figlio che è diventato il primo sindacalista, che ha lottato per i giusti e che le è stato strappato via dalla mafia il 16 maggio del 1955. Ma il dolore che ha provato quella volta è stato diverso perché nessun pianto di gioia ha squarciato il silenzio e nessuna nuova vita nata dal suo ventre le ha accarezzato il viso. No. Quella gioia primordiale è stata cancellata da mani sporche che hanno deciso che Turiddro doveva stare zitto, che non doveva continuare le sue battaglie, che non era giusto. Francesca avrebbe voluto proteggerlo, avrebbe voluto che Turiddro –in quei momenti terribili- fosse ritornato per un attimo nel suo ventre, al sicuro, tra quel liquido amniotico e un abbraccio lontano, contro le angherie del mondo esterno e una terra di mezzo che si evolve in quei nove mesi di gestazione. No, non è accaduto. Purtroppo.

L’opera artistica non si è certamente fermata alla rappresentazione teatrale. Le musiche, infatti, sono state curate da I Musicanti di Gregorio Caimi che, in diverse occasioni della loro carriera hanno raccontato la storia di Turiddru Carnevale. E’ stato un concerto importante per I Musicanti. La band aveva tenuto l’ultimo concerto il 31 gennaio scorso all’Auditorium Parco della Musica, nella Sala Petrassi, a Roma, insieme a Milagro Acustico. Un viaggio oltre lo stretto avvenuto in un periodo storico che sembra proiettato anni luce rispetto ai tempi che stiamo vivendo. All’aeroporto di Roma c’erano tanti turisti con la mascherina che copriva il volto. Una visione che risultava quasi claustrofobica in un primo momento.

Oggi, invece, risulta quasi strano il contrario. Il Presidente Conte aveva appena annunciato in TV i primi due casi di Covid19, c’era apprensione, ansia, panico e paura. I primi voli con la Cina, intanto, venivano annullati. C’è stato un prima e un dopo. Roma rappresenta certamente il pre-covid, quando ancora la quotidianità si viveva con la consapevolezza che qualcosa stava per cambiare, lentamente. Oggi, a distanza di tanti mesi, dopo un duro lockdown, la band è tornata sul palco con una porta spalancata verso l’orizzonte che, oltre al significato intrinseco legato a Turiddru Carnevale, vuole rappresentare simbolicamente uno spiraglio per un futuro migliore in un momento storico ancora tutto da definire.  

A proposito di Angelo Barraco

Angelo Barraco, classe 89, è un giornalista siciliano, precisamente di Marsala, in provincia di Trapani. Curioso, attento ai dettagli, negli anni ha collaborato per numerose testate giornalistiche territoriali, nazionali, internazionali, sia cartacee che web. Ha scritto di politica, attualità, economia, territorio, cronaca nera, recensioni letterarie e musica. Ha intervistato molti importanti esponenti della società contemporanea che hanno tracciato un solco indelebile nella cultura e nella storia moderna.

Vedi anche

Vigilia di Nissa Marsala…

Ecco gli azzurri a disposizione per il 1° turno del campionato regionale di Eccellenza Girone …