lunedì , 24 Febbraio 2020

INQUINAMENTO AMBIENTALE DI FAVIGNANA

Anche in questa legislatura torno ad occuparmi della SEA (Società Elettrica Accardi), la società che svolge attività di produzione, distribuzione di energia elettrica su tutto il territorio dell’isola di Favignana.
Questa volta ho posto l’attenzione sulla questione dell’inquinamento ambientale, arrivata tra l’altro alla ribalta della carta stampata e non ultimo qualche settimana addietro dal giornalista Marco Bova durante un evento pubblico organizzato presso la sede del Movimento Cinque Stelle di Trapani e Erice, dove per l’appunto è stato proiettato un piccolo video a testimonianza dell’inchiesta svolta sull’isola di Favignana nelle adiacenze della centrale termoelettrica.
Tutto è riconducibile ad una rottura di una cisterna di gasolio negli anni ’80, che purtroppo nel tempo malgrado alcuni interventi di rimozione sembrerebbe non averne sortito nessun effetto benefico per l’ambiente, tanto è vero che dai rubinetti delle abitazioni limitrofe, fuoriusciva il gasolio.
Il prossimo 26 febbraio il GUP del Tribunale di Trapani valuterà se accogliere o rigettare la richiesta dei pubblici ministeri nel merito del rinvio a giudizio per Filippo Giuseppe Accardi, amministratore della SEA, per  vari reati amministrativi e  per essere accusato di “inquinamento ambientale”, aggravato dal fatto che è stato compiuto in un ecosistema inserito nell’Area Marina Protetta delle Egadi. 
Sono state riconosciute  le costituzioni di parte civile, di un consigliere comunale che aveva denunciato i fatti assieme al Comune di Favignana e all’Agenzia regionale per la protezione dell’Ambiente di Trapani. 
Tutto ciò è stato sottoposto all’attenzione del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare con una interrogazione, anche per sapere se intenda intraprendere provvedimenti eccezionali di bonifica, nell’interesse primario della tutela del paesaggio, della salubrità dell’ambiente e della salute dei cittadini, per il deterioramento significativo  delle acque sotterranee e dell’equilibrio dell’ecosistema compreso nell’Area Marina Protetta (AMP) delle Isole Egadi.

A proposito di Nicola Donato

Ho nutrito la passione del giornalismo fin da piccolo. A scuola, infatti, fondai un giornalino dal nome "Fatti e idee". Era una raccolta di ricerche e temi svolti durante l'attività scolastica. Nei primi anni '90, ancora minorenne, appoggiai mio padre nella conduzione di programmi radiofonici di carattere sportivo. La passione per il giornalismo cominciò a diventare anche un lavoro a partire dal 2005. Scrivevo per un quotidiano di carattere provinciale dal nome "Il Corriere Trapanese". Iniziai, subito dopo, a condurre trasmissioni televisive di sport presso l'emittente marsalese "Canale 2" occupandomi anche delle telecronache del Marsala calcio. Dal 2014 sono direttore della rivista periodica "Leggo Città Marsala" e dall'ambito sportivo sono passato ad occuparmi anche di politica e cronaca. (www.leggocittamarsala.it). Dal primo dicembre del 2019 Leggo Città ha stretto una collaborazione con un gruppo editoriale locale permettendo la nascita di Trileggo di cui ne sono il Direttore.

Vedi anche

Marsala sconfitto di misura. Aumenta l’incubo retrocessione

Marsala – Troina 0-1. Nonostante le defezioni in casa azzurra, mancavano due pilastri del centrocampo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *