martedì , 28 Giugno 2022

Blue Jazz Fest: molto più di un festival

Domenica 8 dicembre si è concluso il Blue Jazz Fest di Mazara del Vallo e da quanto abbiamo visto e sentito sembrano esserci tutte le premesse per poter parlare di “prima edizione” e non di un evento sporadico. Ma ripercorriamo per un momento questa breve e fortunata vicenda.

Lo scorso mese di settembre si incontrano a cena, tramite un’amicizia comune, i due protagonisti della nostra storia: il maestro Fabio Crescente e l’imprenditore Paolo Tedesco. Il primo ha l’idea di portare nella città marinara un festival Jazz. Il secondo, senza troppe esitazioni, rilancia e propone di utilizzare come location – gratuitamente ma con il giusto ritorno d’immagine – l’officina dell’azienda di famiglia. E il più è fatto.

Il risultato, in appena un mese e mezzo di tempo dall’avvio della macchina organizzativa, saranno tre serate costellate da artisti di altissimo livello, in un luogo assolutamente insolito (sebbene il connubio tra arte e industria sia già un’affermata realtà in alcune regioni del nord Italia e in Europa, n.d.r.) e con l’atmosfera dei grandi eventi metropolitani.

Se in più aggiungiamo che la manifestazione è stata fortemente voluta dal Sindaco e dall’Amministrazione comunale, che hanno creduto nel progetto e lo hanno patrocinato con tutti i mezzi a disposizione, ecco che vediamo proporsi ai nostri occhi il modello perfetto di sinergia tra arte, pubblico e privato – che, nelle giuste condizioni, riesce a dar vita ad eventi culturali di qualità, sostenibili e replicabili.

Il tutto, infine, condito da una notevole presenza di pubblico, partecipe ed entusiasta, che ne ha decretato, così, il pieno successo. Voto: dieci e lode.

E veniamo adesso alla musica, regina della manifestazione, e agli artisti che si sono esibiti nella serata conclusiva.

dav

A salire per primi sul palco la cantante Simona Trentacoste, voce calda e brillante, e il maestro Francesco Guaiana, chitarrista di grande spessore. Un duo che oltre a sfoggiare un repertorio “classico”, da George Gershwin a Duke Ellington, ha saputo incantare la platea con interessanti arrangiamenti di brani famosissimi quali “September in the rain”, “You don’t know what love is”, “Unchained Melody” e “Imagine”, l’omaggio a John Lennon nell’anniversario della morte.

A rendere ancora più coinvolgente l’ascolto ci hanno pensato i light designer: uno spettacolo nello spettacolo. Trame di fasci di luce che per oltre due ore hanno sottolineato l’intensità della musica e i cambi-palco creando scenografie luminose ed avvolgenti.

Dalle atmosfere soul regalateci dalla voce della Trentacoste si è passati allo swing sfrenato di Luca Filastro, giovane e spregiudicato pianista di origine calabrese, con ormai una solida carriera internazionale alle spalle, dalla fortissima personalità sia musicale che scenica.

Con lui abbiamo ascoltato brani di Fats Waller e di altri autori del Songbook americano.

dav

A unirsi a lui, in un duo d’eccezione, lo ‘special guest’ della serata, il violinista Mauro Carpi, esponente di primo piano del ‘Jazz made in Italy’ con all’attivo moltissime e prestigiose collaborazioni.

Poco dopo, si sono inseriti il giovane e talentuoso batterista Piero Alessi, Fabio Crescente al contrabbasso, la cantante Antonella Parnasso per l’esecuzione del brano “Ain’t misbehavin’”, e per il gran finale – nuovamente sul palco – Simona Trentacoste e Francesco Guaiana.

Non sono mancati applausi ‘a scena aperta’ per gli artisti e per tutto lo staff sia tecnico che organizzativo, che con grande cura e dedizione ha permesso la realizzazione di un festival che probabilmente è stato e sarà anche qualcosa di più, come si evince dalla nostra intervista a Fabio Crescente e Paolo Tedesco e che vi proponiamo.

A proposito di Vincenzo Di Bono

Laurea in Musicologia e beni musicali. Master in gestione, marketing e comunicazione delle aziende culturali. Esperienze professionali con importanti Istituzioni culturali.

Vedi anche

Star Cycling Lab ben figura durante tutto il week end

Star Cycling Lab protagonista durante tutto il week end senza però cogliere nessun podio!  Il …