domenica , 19 Maggio 2024

ALCAMO: LA POLIZIA DI STATO ARRESTA PREGIUDICATO CON HASHISH E COCAINA PRONTE PER LO SPACCIO

Nuovo colpo messo a segno dagli investigatori del Commissariato di P.S. di Alcamo i quali, nell’ambito di predisposte attività di controllo sul territorio e di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti in prossimità delle festività pasquali, hanno rinvenuto, coadiuvati da una unità cinofila antidroga, un cospicuo quantitativo di sostanza stupefacente del tipo hashish e cocaina di cui una buon parte già suddivisa in dosi pronte per essere spacciate. Il ritrovamento della droga, operato all’interno di un appartamento in pieno centro storico, ha portato all’arresto di un 41enne tunisino, pregiudicato, per il delitto di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In particolare, gli agenti del Commissariato di P.S. di Alcamo, dopo aver osservato nei giorni precedenti come il domicilio dell’arrestato fosse stato oggetto di frequenti e brevi visite da parte di soggetti conosciuti come assuntori di sostanze stupefacenti, decideva di procedere alla perquisizione dell’abitazione in uso al pregiudicato di nazionalità tunisina laddove, grazie al fiuto infallibile del pastore tedesco antidroga “Ulla” del reparto cinofili della Polizia di Stato, si rinveniva – ben occultato in tre diversi siti – 60 grammi circa di hashish e 16 grammi di cocaina, di cui una buona parte confezionata in 13 involucri di cellophane pronti per essere spacciati.

La perquisizione consentiva di rinvenire numerose banconote di denaro di piccolo taglio che veniva sequestrato poiché incompatibile con lo stato di presunta indigenza del soggetto, pertanto ritenuto compendio dell’attività delittuosa di spaccio.

La Procura della Repubblica di Trapani, ritenendo sussistenti i presupposti che avevano consentito ai poliziotti di procedere all’arresto nella flagranza di reato del cittadino extracomunitario, disponeva che l’arrestato fosse sottoposto alla misura cautelare personale degli arresti domiciliari in attesa della rituale udienza di convalida ad esito della quale il G.I.P., oltre a convalidare l’arresto, faceva propria la richiesta del Pubblico Ministero  disponendo l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari con applicazione del braccialetto elettronico.

A proposito di Nicola Donato

"Essere scettici, realistici e prudenti è assolutamente necessario, altrimenti non si potrebbe fare il giornalismo". Il pensiero di Kapuscinski è anche il mio. Fin da piccolo sono stato sempre appassionato di giornalismo. A scuola fondai un giornalino dal nome "Fatti e idee". La mia passione fu alimentata negli anni novanta, in piena età adolescenziale, da mio padre che conduceva trasmissioni radiofoniche di carattere sportivo presso l’emittente marsalese Radio Azzurra. La passione per il giornalismo cominciò a diventare anche un lavoro a partire dal 2005. Ecco, in rapida successione, le mie esperienze maturate nel campo giornalistico: 2005 – 2007 Conduttore televisivo emittente Canale 2 Marsala; 2007 – 2012 Redattore presso il quotidiano “Il Corriere Trapanese”; 2012-2014 Telecronista Ermes Tv Marsala; 2014 a tutt’oggi direttore del periodico cartaceo “Leggo Città Marsala”; Dal 2015 a tutt’oggi conduttore televisivo presso l’emittente televisiva Canale 2 Marsala; Dal 2022 direttore dell'emittente televisiva Canale 2. Dal primo dicembre del 2019 Leggo Città ha stretto una collaborazione con un gruppo editoriale locale permettendo la nascita di Trileggo di cui ne sono il Direttore. 14/10/2018 Premiato come ospite d'onore alla 19ma edizione del premio Europeo Tindari; 16/01/2021 conferimento d'onore da parte della Fondazione Internazionale Papa Clemente XI di Tirana (Albania) quale membro d'onore per proficua attività giornalistica svolta.

Vedi anche

HANDBALL: EN PLEIN DELL’I.C. CAVOUR-MAZZINI