mercoledì , 28 Febbraio 2024

Di Girolamo: “anche il finanziamento di 135 milioni di euro per lo scorrimento veloce Marsala – Mazara è stato scippato alla città di Marsala”

Egregio direttore, apprendo con enorme stupore e rammarico che anche il finanziamento di 135 milioni di euro per lo “scorrimento veloce” Marsala – Mazara del Vallo è stato scippato alla città di Marsala, come i 26 milioni per i passaggi a livello. Questo tratto di strada è fondamentale per lo sviluppo della città, che complessivamente è isolata dal resto della Sicilia. Collegherebbe meglio Marsala con l’autostrada “Mazara- Palermo”, con la valle del Belice, con la provincia di Agrigento, con il parco archeologico di Selinunte, facilitando il trasporto delle merci e delle persone. Contemporaneamente si ridurrebbe di molto il traffico veicolare in via Mazara, facendola diventare più sicura. La città diventando più facilmente raggiungibile, diventerebbe più attrattiva anche dal punto di vista turistico e ne beneficerebbe anche l’aeroporto. I vari ospedali della provincia sarebbero meglio collegati fra loro e quindi più raggiungibili, aspetto da non da sottovalutare. Un investimento di 135 milioni di euro e forse di più, avrebbe creato lavoro per alcuni anni per centinaia/migliaia di persone e per decine di imprese. I dirigenti dell’Anas nel 2020 con il progetto quasi pronto (l’iter si era rallentato a causa del Covid) mi avevano assicurato che erano disposti a prendersi in carico il tratto di scorrimento veloce che dall’ospedale Paolo Borsellino porta all’aeroporto di Birgi,
investendo altri milioni per adeguarlo, insieme alle gallerie, alle nuove normative. Il comune non avrà mai i soldi per poterlo fare. Dopo tre anni le gare dovevano essere espletate e i lavori già iniziati. Ci si poteva aspettare un rallentamento dell’iter, ma non che il finanziamento fosse stato dirottato verso altre provincie: è un fatto di una gravità inaudita. Marsala resterà isolata ancora per altri decenni o per sempre, con tutte le conseguenze economiche e sociali. Perché il sindaco Grillo si sta facendo scippare tutti i finanziamenti per le grandi opere? Perché non viene tenuto in considerazione dal governo regionale e nazionale? Perche’ sicuramente sono stati loro a spostare i finanziamenti. Si può dire con certezza che i suoi governi “amici” hanno preso da Marsala per dare agli altri, perché il sindaco non ha alcun peso politico, non riesce a fare squadra e non sa difendere gli interessi della città, nè con le buone nè battendo i pugni. Visto che non sa fare per niente il sindaco, il cui compito non è quello di farsi le foto con la fascia e fare posti di sottogoverno per gli amici, ma trovare soluzioni ai problemi semplici e complessi e intercettare nuovi finanziamenti e non farsi scippare quelli che ha ereditato, perché non si dimette? Perché i consiglieri non si dimettono? Capisco che tanti sono attaccati alla poltrona con un doppio strato di colla, ma una volta tanto un sobbalzo di orgoglio farebbe molto bene alla città e anche a loro. Più questo sindaco rimane attaccato alla poltrona, più danni irreparabili continuerà a fare alla città. Chissà se i finanziamenti per tutte le altre opere che abbiamo lasciato non abbiano fatto la stessa fine. Grazie per l’attenzione. Alberto Di Girolamo

A proposito di Nicola Donato

"Essere scettici, realistici e prudenti è assolutamente necessario, altrimenti non si potrebbe fare il giornalismo". Il pensiero di Kapuscinski è anche il mio. Fin da piccolo sono stato sempre appassionato di giornalismo. A scuola fondai un giornalino dal nome "Fatti e idee". La mia passione fu alimentata negli anni novanta, in piena età adolescenziale, da mio padre che conduceva trasmissioni radiofoniche di carattere sportivo presso l’emittente marsalese Radio Azzurra. La passione per il giornalismo cominciò a diventare anche un lavoro a partire dal 2005. Ecco, in rapida successione, le mie esperienze maturate nel campo giornalistico: 2005 – 2007 Conduttore televisivo emittente Canale 2 Marsala; 2007 – 2012 Redattore presso il quotidiano “Il Corriere Trapanese”; 2012-2014 Telecronista Ermes Tv Marsala; 2014 a tutt’oggi direttore del periodico cartaceo “Leggo Città Marsala”; Dal 2015 a tutt’oggi conduttore televisivo presso l’emittente televisiva Canale 2 Marsala; Dal 2022 direttore dell'emittente televisiva Canale 2. Dal primo dicembre del 2019 Leggo Città ha stretto una collaborazione con un gruppo editoriale locale permettendo la nascita di Trileggo di cui ne sono il Direttore. 14/10/2018 Premiato come ospite d'onore alla 19ma edizione del premio Europeo Tindari; 16/01/2021 conferimento d'onore da parte della Fondazione Internazionale Papa Clemente XI di Tirana (Albania) quale membro d'onore per proficua attività giornalistica svolta.

Vedi anche

Violentio nubifragio a Castelvetrano. Diramata allerta Protezione Civile

Un violento nubifragio si è abbattuto su Castelvetrano la scorsa notte fino alle 7:30. L’intensità …