mercoledì , 28 Febbraio 2024

LA POLIZIA DI STATO DISVELA UN ILLECITO MECCANISMO CHE AGEVOLAVA L’ACCESSO A FINANZIAMENTI

La Polizia di Stato scopre un’attività di illecita assistenza al credito e al finanziamento organizzata da un gruppo di palermitani che facilita le richieste di finanziamento presso diversi istituti di credito del territorio, procurando ai richiedenti false buste paga e provvedendo ad effettuare i relativi versamenti nei conti correnti per simulare la percezione del reddito da lavoro dichiarato.

Le indagini sono condotte dal Centro Operativo per la Sicurezza Cibernetica – Polizia Postale – Sicilia Occidentale, coordinato dalla Procura di Termini Imerese, il cui personale, dopo avere analizzato le pratiche di finanziamto sospette, nella mattinata di oggi, ha eseguito tre perquisizioni nei confronti di altrettanti soggetti indagati. Nelle pratiche finite sotto la lente di ingrandimento hanno avuto una parte attiva anche alcuni dipendenti di Poste Italiane presso le cui abitazioni, nella mattinata odierna, è stata ricercata la documentazione utilizzata per istruire le pratiche. Ed infatti, al fine di portare avanti le istanze dei soggetti che cercavano di accedere ai finanziamenti, venivano allegati cedolini o buste paga formalmente regolari, che presentavano numeri di riferimento Inail e codice fiscale / P.Iva dei datori di lavoro. Solo grazie agli approfondimenti investigativi è stato verificato come in realtà i cedolini e le buste paga riguardavano altri soggetti, anche dipendenti di pubbliche amministrazioni o delle Forze dell’Ordine e venivano poi falsificati con la sostituzione del nominativo con quello del richiedente il finanziamento. Sono ancora al vaglio degli inquirenti le numerose posizioni dei richiedenti dei prestiti i quali si sono volontariamente rivolti agli organizzatori della truffa finanziaria.

A proposito di Nicola Donato

"Essere scettici, realistici e prudenti è assolutamente necessario, altrimenti non si potrebbe fare il giornalismo". Il pensiero di Kapuscinski è anche il mio. Fin da piccolo sono stato sempre appassionato di giornalismo. A scuola fondai un giornalino dal nome "Fatti e idee". La mia passione fu alimentata negli anni novanta, in piena età adolescenziale, da mio padre che conduceva trasmissioni radiofoniche di carattere sportivo presso l’emittente marsalese Radio Azzurra. La passione per il giornalismo cominciò a diventare anche un lavoro a partire dal 2005. Ecco, in rapida successione, le mie esperienze maturate nel campo giornalistico: 2005 – 2007 Conduttore televisivo emittente Canale 2 Marsala; 2007 – 2012 Redattore presso il quotidiano “Il Corriere Trapanese”; 2012-2014 Telecronista Ermes Tv Marsala; 2014 a tutt’oggi direttore del periodico cartaceo “Leggo Città Marsala”; Dal 2015 a tutt’oggi conduttore televisivo presso l’emittente televisiva Canale 2 Marsala; Dal 2022 direttore dell'emittente televisiva Canale 2. Dal primo dicembre del 2019 Leggo Città ha stretto una collaborazione con un gruppo editoriale locale permettendo la nascita di Trileggo di cui ne sono il Direttore. 14/10/2018 Premiato come ospite d'onore alla 19ma edizione del premio Europeo Tindari; 16/01/2021 conferimento d'onore da parte della Fondazione Internazionale Papa Clemente XI di Tirana (Albania) quale membro d'onore per proficua attività giornalistica svolta.

Vedi anche

SI INSEDIA A TRAPANI IL NUOVO VICARIO DEL QUESTORE: È CONO INCOGNITO

Mercoledì 21 febbraio si è insediato il nuovo Vicario del Questore di Trapani, Primo Dirigente …