martedì , 9 Agosto 2022

Stop al canone RAI in bolletta! Cosa cambia dal 2023?

Dal 2023 il canone RAI non comparirà più in bolletta! Il pagamento del canone rimarrà, ma sarà rivisto il sistema di pagamento. Quali opzioni vengono prese in considerazione?

Le opzioni considerate sono diverse e guardano anche ai sistemi utilizzati in Europa e la scelta per il prossimo anno per Fee Rai potrebbe essere una di tre:

  • Eliminazione del canone RAI
  • Pagamento su modulo 730
  • Sommata a Tasse su immobili o automobili

A partire dal prossimo anno il sistema di finanziamento della tv nazionale cambierà e non comparirà più in bolletta come previsto dalla Legge di Stabilità del 2016. 

L’Unione Europea ha chiesto al governo italiano di valutare questa modifica fiscale, in quanto si tratta di un onere abusivo, non correlato alla natura del pagamento. 

Insomma, l’Unione Europea non ritiene opportuno tassare la televisione sulla bolletta dell’energia. 

Un’altra richiesta di cambio dell’emendamento è arrivata dallo stesso Parlamento italiano, in particolare da Maria Laura Paxia, deputata del gruppo misto, che ha chiesto la riduzione dell’ammontare della bolletta elettrica abolendo o trasferendo i canoni RAI per risparmiare sulle bollette dei contribuenti italiani. 

Quali sono le ipotesi al vaglio?

.Al momento le 3 principali ipotesi al vaglio del governo sono:

  •  Abolizione del Canone RAI 
  •  Introduzione sul modulo 730 
  •  Pagamento stile Israele: ovvero come imposta aggiuntiva su beni immobili 

Abolizione canone RAI 

Diverse forze politiche chiedono da tempo la rimozione dei canoni RAI e potrebbero seguire il modello già seguito da Svezia, Spagna, Norvegia, Paesi Bassi e Finlandia riportando il canone RAI sotto la fiscalità generale.  Ovviamente però questo non sarà un risparmio netto per il contribuente, in quanto il canone andrà solo ad aggiungersi alla tassazione generale.

Modulo 730 

L`opzione più popolare è quella di introdurre gli oneri RAI sulla dichiarazione dei redditi 730. Uno svantaggio di questa opzione è che espone i canoni della RAI a strumenti con tassi di evasione più elevati. Questo è un esempio del metodo utilizzato in Francia dal 2005 (anche  il 50% in più rispetto al metodo italiano).

Imposta patrimoniale 

L’ultima opzione sarebbe quella di legare il canone della RAI a una tassa riscossa su beni come automobili o immobili come nel modello israeliano in cui si calcola la tassa televisiva di stato insieme alla tassa automobilistica. Questa opzione, sebbene possibile, ma sembra la meno probabile a causa del già elevato carico fiscale sugli immobili nel sistema tributario italiano.

Da quando cambierà il pagamento del canone RAI

La decisione potrebbe arrivare con la prossima legge di Bilancio a fine anno, difficile ipotizzare un annuncio precedente a quella data. Di conseguenza questa modifica riguarderebbe solo il pagamento per il prossimo anno, nel 2023.

Attualmente il Canone RAI è un’imposta per il finanziamento della televisione di stato e che viene calcolata sulla detenzione di apparecchi atti o adattabili alla ricezione di radioaudizioni televisive.

Il pagamento è di 90 euro ed è obbligatorio per tutti coloro che possono usufruire del servizio TV a casa grazie al televisore. 

 Si noti che il prezzo di una licenza Rai è inferiore a quello di molti altri paesi europei, tanto che Francia (€ 133), Germania (€ 215,76) o anche la Svizzera  ha i canoni di licenza più alti dall’Europa è di € 360,65.

canone rai

Il pagamento è automatico nella bolletta dell’elettricità per il momento e il rimborso di tale importo può avvenire nel caso in cui tu non disponga di dispositivi televisivi, ma solo in un secondo tempo.

Non vi sarà quindi variazione dell’importo soggetto al pagamento di tale imposta.

Fonte: https://energia-luce.it/news/stop-canone-rai-bolletta-2023/

A proposito di Nicola Donato

"Essere scettici, realistici e prudenti è assolutamente necessario, altrimenti non si potrebbe fare il giornalismo". Il pensiero di Kapuscinski è anche il mio. Fin da piccolo sono stato sempre appassionato di giornalismo. A scuola fondai un giornalino dal nome "Fatti e idee". La mia passione fu alimentata negli anni novanta, in piena età adolescenziale, da mio padre che conduceva trasmissioni radiofoniche di carattere sportivo presso l’emittente marsalese Radio Azzurra. La passione per il giornalismo cominciò a diventare anche un lavoro a partire dal 2005. Ecco, in rapida successione, le mie esperienze maturate nel campo giornalistico: 2005 – 2007 Conduttore televisivo emittente Canale 2 Marsala; 2007 – 2012 Redattore presso il quotidiano “Il Corriere Trapanese”; 2012-2014 Telecronista Ermes Tv Marsala; 2014 a tutt’oggi direttore del periodico cartaceo “Leggo Città Marsala”; Dal 2015 a tutt’oggi conduttore televisivo presso l’emittente televisiva Canale 2 Marsala; Dal 2022 direttore dell'emittente televisiva Canale 2. Dal primo dicembre del 2019 Leggo Città ha stretto una collaborazione con un gruppo editoriale locale permettendo la nascita di Trileggo di cui ne sono il Direttore. 14/10/2018 Premiato come ospite d'onore alla 19ma edizione del premio Europeo Tindari; 16/01/2021 conferimento d'onore da parte della Fondazione Internazionale Papa Clemente XI di Tirana (Albania) quale membro d'onore per proficua attività giornalistica svolta.

Vedi anche

𝐈𝐧𝐟𝐫𝐚𝐬𝐭𝐫𝐮𝐭𝐭𝐮𝐫𝐞, 𝐨𝐤 𝐝𝐚𝐥𝐥𝐚 𝐆𝐢𝐮𝐧𝐭𝐚 𝐫𝐞𝐠𝐢𝐨𝐧𝐚𝐥𝐞 𝐩𝐞𝐫 a𝐥 𝐩𝐢𝐚𝐧𝐨 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐞 𝐨𝐩𝐞𝐫𝐞 𝐩𝐮𝐛𝐛𝐥𝐢𝐜𝐡𝐞 (FSC 2021/2027), 𝐨𝐥𝐭𝐫𝐞 1,7𝐦𝐢𝐥𝐢𝐨𝐧𝐢 𝐩𝐞𝐫 gli impianti sportivi marsalesi

La Giunta Regionale ha approvato il piano delle opere pubbliche nel marsalese per oltre 1,7 …