martedì , 9 Agosto 2022

Mancata adozione della riclassificazione dei dipendenti dell’Ente di Sviluppo Agricolo ai fini dell’applicazione del CCRL 2016/2018

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa che ci giunge dal FSI-USAE sulla mancata adozione della riclassificazione dei dipendenti dell’Ente di Sviluppo Agricolo ai fini dell’applicazione del CCRL 2016/2018.

Dall’emanazione della Deliberazione n° 400/2012 approvata dalla Giunta di Governo Regionale che ha reso esecutivo il nuovo Regolamento di Organizzazione dell’Ente adottato con deliberazione n° 170/2012 sono trascorsi ben dieci anni.

Le  Amministrazioni E.S.A. che si sono succedute in questi anni hanno disatteso l’ordine perentorio statuito dal Governo Regionale di riclassificazione delle posizioni ed economiche del personale dell’Ente tramite il provvedimento deliberativo di parificazione/equiparazione con l’omologo personale dell’amministrazione regionale per l’applicazione del nuovo contratto regionale di lavoro.

L’attuale amministrazione E.S.A. nominata dal Presidente della Regione ha superato ogni limite alla decenza: con l’occasione di provvedere alla predetta riclassificazione ha approvato due deliberazioni (la n° 17 e 18 del marzo 2022) con le quali vengono stravolte le tabelle di equiparazione vigenti approvate dal Governo Regionale con deliberazione n°  422 del 2017 proponendo altresì al Governo Regionale una modifica del Regolamento di Organizzazione dell’Ente reso esecutivo con deliberazione n° 400/2012 dalla Giunta di Governo per l’aumento delle postazioni dirigenziali dell’Ente con la prospettiva di una futura attribuzione di postazioni dirigenziali al personale del comparto non dirigenziale dell’Ente del tutto illegittima ed illegale tenuto conto che su tale intenzione l’ARAN Sicilia ha già specificato formalmente nel recente passato all’Ente con nota n° 800/PG/2014 che tale possibilità è del tutto illegale.

I dipendenti dell’Ente di Sviluppo Agricolo, a causa di tale situazione  non più tollerabile che ha comportato nel tempo un danno patrimoniale, hanno incoato presso  i Tribunali territorialmente competenti parecchi ricorsi  che certamente produrranno un considerevole  danno erariale per le casse regionali stante il lungo tempo trascorso.

E’ indubbio che la tempestiva riclassificazione verso il contratto regionale in  tempi adeguati avrebbe comportato per i dipendenti dell’E.S.A., ove assolta da parte dell’amministrazione E.S.A. senza vizi di illegalità ed illegittimità negli atti proposti, il giusto trattamento stipendiale di parificazione con gli omologhi dipendenti dell’amministrazione regionale ed enti regionali.

In questo contesto inqualificabile vi è di più: l’amministrazione E.S.A. e la Direzione Generale f.f. anziché allinearsi ai dettami normativi di legge e contratti nel rispetto delle relazioni sindacali hanno disatteso la preventiva e obbligatoria contrattazione con le OO.SS. presenti all’E.S.A. in sede decentrata di Ente tramite una semplice informativa.

Tali deliberazioni approvate dal C.d.A. E.S.A. , ove permane il parere negativo del Collegio dei Revisori dell’Ente, sono al momento oggetto di controllo da parte dell’Assessorato Agricoltura per l’obbligatoria trasmissione in Giunta di Governo Regionale ai sensi della l.r. 2/78.

E’ lecito porre un interrogativo: quanti lustri ancora dovranno passare affinché il personale E.S.A. possa usufruire dei benefici contrattuali previsti dalla legge tanto agognati?

Marsala li, 01/06/2022

                                                IL COORDINATORE FSI-USAE Diego Renda

A proposito di Nicola Donato

"Essere scettici, realistici e prudenti è assolutamente necessario, altrimenti non si potrebbe fare il giornalismo". Il pensiero di Kapuscinski è anche il mio. Fin da piccolo sono stato sempre appassionato di giornalismo. A scuola fondai un giornalino dal nome "Fatti e idee". La mia passione fu alimentata negli anni novanta, in piena età adolescenziale, da mio padre che conduceva trasmissioni radiofoniche di carattere sportivo presso l’emittente marsalese Radio Azzurra. La passione per il giornalismo cominciò a diventare anche un lavoro a partire dal 2005. Ecco, in rapida successione, le mie esperienze maturate nel campo giornalistico: 2005 – 2007 Conduttore televisivo emittente Canale 2 Marsala; 2007 – 2012 Redattore presso il quotidiano “Il Corriere Trapanese”; 2012-2014 Telecronista Ermes Tv Marsala; 2014 a tutt’oggi direttore del periodico cartaceo “Leggo Città Marsala”; Dal 2015 a tutt’oggi conduttore televisivo presso l’emittente televisiva Canale 2 Marsala; Dal 2022 direttore dell'emittente televisiva Canale 2. Dal primo dicembre del 2019 Leggo Città ha stretto una collaborazione con un gruppo editoriale locale permettendo la nascita di Trileggo di cui ne sono il Direttore. 14/10/2018 Premiato come ospite d'onore alla 19ma edizione del premio Europeo Tindari; 16/01/2021 conferimento d'onore da parte della Fondazione Internazionale Papa Clemente XI di Tirana (Albania) quale membro d'onore per proficua attività giornalistica svolta.

Vedi anche

𝐈𝐧𝐟𝐫𝐚𝐬𝐭𝐫𝐮𝐭𝐭𝐮𝐫𝐞, 𝐨𝐤 𝐝𝐚𝐥𝐥𝐚 𝐆𝐢𝐮𝐧𝐭𝐚 𝐫𝐞𝐠𝐢𝐨𝐧𝐚𝐥𝐞 𝐩𝐞𝐫 a𝐥 𝐩𝐢𝐚𝐧𝐨 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐞 𝐨𝐩𝐞𝐫𝐞 𝐩𝐮𝐛𝐛𝐥𝐢𝐜𝐡𝐞 (FSC 2021/2027), 𝐨𝐥𝐭𝐫𝐞 1,7𝐦𝐢𝐥𝐢𝐨𝐧𝐢 𝐩𝐞𝐫 gli impianti sportivi marsalesi

La Giunta Regionale ha approvato il piano delle opere pubbliche nel marsalese per oltre 1,7 …