martedì , 28 Giugno 2022

IL MAZARESE GIAMETTA VINCE AL PHOTOFINISH IL PRIMO SLALOM “COZZO DISI” CASTELTERMINI

Rimarrà davvero a lungo tra le pieghe della memoria la 1a edizione dell’Autoslalom Miniera “Cozzo Disi” Casteltermini. Al termine di due manche caratterizzate dalla canicola e da esiti sempre incerti, a salire sul gradino più alto del podio è stato il mazarese Giuseppe Giametta, portacolori della Scuderia Venanzio, il quale ha piazzato la sua Gloria B4 Yamaha “Fazer” per soli 56 centesimi di secondo davanti alla vettura gemella (sebbene in versione B5 Evo Suzuki) del concittadino Totò Arresta (Armanno Corse). A completare il podio il saccense Salvatore Catanzaro, autore del tempo di riferimento nella prima salita cronometrata, ma costretto a fermarsi sul percorso in seconda manche per un principio d’incendio alla sua Gloria B5 con motore Suzuki. Lo slalom, valevole per Challenge Palikè, Coppa dei Monti Sicani e Prix “Serena Casubolo” è stato promosso a cura della Casteltermini Corse e dal Team Palikè Palermo, in collaborazione con la Muxaro Corse ed il patrocinio del Comune di Casteltermini e dell’Assemblea Regionale Siciliana.

Giuseppe Giametta, al suo secondo acuto stagionale, ha regolato al traguardo per soli 56 centesimi di secondo l’altro mazarese Totò Arresta (rimasto pertanto a quota tre affermazioni, quest’anno), anche lui nell’abitacolo di una Gloria (sebbene in versione B5 Evo Suzuki), sulla quale ha apportato sino all’ultimo delle modifiche per provare a rispondere al suo avversario. A completare un clamoroso podio tutto Gloria, a 7”77 dalla vetta, pure la monoposto (in versione B5 Suzuki, per la Scuderia Armanno Corse) affidata all’emergente agrigentino (vive a Sciacca) Salvatore Catanzaro, il quale ha potuto contare su un’unica salita cronometrata causa un ritiro nella successiva, per un principio d’incendio patito dalla sua vettura.

Il vincitore, transitato prima di questa gara sotto le insegne della Scuderia Venanzio (che fa capo al campano Salvatore   Venanzio,   ex   campione   italiano   Slalom),   ha   disputato   a   sua   volta   solo   la   seconda salita cronometrata  (a parte la ricognizione dove aveva fatto segnare un crono da primato esclusivamente simbolico), dopo avere accusato problemi di pescaggio della benzina nel corso della prima manche. Arresta, alfiere Armanno Corse, ha modificato l’assetto della sua Gloria, montando anche pneumatici Pirelli nuovi nella seconda salita di gara, senza però riuscire a sopravanzare Giametta.

Quarta   piazza   assoluta   a   Casteltermini   per   l’inossidabile   trapanese   (originario   di   Custonaci)   Nicolò Incammisa. Il presidente della Trapani Corse è stato autore di una prova regolare, di esperienza, al volante della consueta Radical SR4 Suzuki, con la quale si è aggiudicato un doppio successo, in gruppo E2SC ed in classe E2SC 1600, finendo a poco oltre 12” da Giametta. Una giornata non troppo fortunata invece per il palermitano Vito Fabio Di Falco, il quale ha pagato lo scotto di una duplice penalità da 10” in entrambe le manche di riferimento e la scelta non ottimale di pneumatici dalla nuova mescola sulla sua Gloria B4 Yamaha della Misilmeri Racing, con la quale ha comunque chiuso al 5° posto assoluto.

Ottima la progressione fino alla sesta posizione, a fine gara, per il funambolico agrigentino (di Sciacca) Gabriele Giaimo, al quale è bastata una sola salita cronometrata per portarsi a casa il risultato ed il successo nel gruppo E1 Italia, con la “solita” Fiat Cinquecento Sporting “griffata” Puntese Corse, preparata in casa.

Attesissimo   dai   numerosi   tifosi   dell’hinterland,   non   ha   deluso   le   aspettative   neppure   l’altro   rallysta agrigentino   (originario   di   San   Biagio   Platani)   Ivan   Brusca,   settimo   assoluto   e   vincitore   del   gruppo A nell’abitacolo della consueta Peugeot 106 Gti 16v schierata dall’agrigentina Ro Racing Cianciana coordinata da Rosario Montalbano (la scuderia più rappresentata al Miniera ‘Cozzo Disi’ con nove piloti).

A completare ‘la top ten’ a Casteltermini ci hanno inoltre pensato il rallysta nisseno (nativo di Mussomeli) Gero  Zucchetto, ottavo assoluto con la Peugeot 106 Gti 16v di gruppo A, il trapanese Vito Grammatico (9°

assoluto, su Gloria B5 Suzuki) e l’altro agrigentino (di Favara) Luca Lauricella, in decima piazza alla guida della versatile Peugeot 106 Maxi Kit iscritta dalla Ro Racing.

Tra gli altri vincitori di gruppo, spiccano il già citato Giametta (in E2SS, vetture Sport con telaio monoposto),

l’avellinese (ma agrigentino d’adozione) Sabatino Pagnozzi (gruppo N, su Renault Clio Rs Cacciatore Corse, per soli 12 centesimi di secondo sul rientrante nisseno di Mussomeli Angelo Sapia), il trapanese Emanuele Campo (Prototipi Slalom, Fiat 126 Proto, per la Drepanum Corse), il palermitano Rosario Rattenuti (nella RS Plus, con la Peugeot 106 Gti 16v della Misilmeri Racing), l’altro misilmerese Filippo Cerniglia (nella E2SH Silhouette, Fiat 126 Suzuki, Misilmeri Racing), quindi Filippo Adamo (in gruppo Speciale, Fiat 127 Special).

Ed ancora, il nisseno Maurizio Russo (tra le VBC Bicilindriche, con la Fiat 500 Giannini 700 gr. 5 del Motor Team Nisseno), Biagio Cassibba (primato tra le Racing Start, su Mini Cooper S), quindi la messinese (risiede a Santa Teresa Riva) Jessica Miuccio, a sua volta vincente nella speciale classifica Femminile, su Renault Twingo Rs, per i colori della Ro Racing. Tra le Autostoriche si è imposto l’agrigentino Calogero Bellanca, su Bmw M3, mentre la graduatoria riservata agli Under 23 ha premiato Marco Cannino (Citroen Saxo, Team del Mago), davanti al locale Ivan Fantauzzo (Renault Clio Williams) ed al debuttante favarese “figlio d’arte” Gabriele Caramazza, su Peugeot 106 Gti 16v della Blueorange, schierata dal Team Automobilistico Phoenix Santa Teresa Riva.

La palma di miglior pilota locale (tra ben 19 pretendenti) è spettata invece ad Agostino Vitellaro Zuccarello, 17° assoluto al volante della sua Renault Clio Williams schierata in N2000, davanti a Giuseppe Montana (con la Citroen Saxo Vts della Ro Racing) ed a Dario Granata, su Renault Clio Per, per i colori della Phoenix. In virtù di questo risultato, a Vitellaro Zuccarello è stato consegnato il trofeo Memorial “Riccardo Arnone”, in ricordo del giovane appassionato locale laureando in Medicina scomparso a causa di un male incurabile nel 1984, a soli 23 anni. La tappa d’esordio per la Coppa Monti Sicani ha infine visto sul gradino più alto del podio Salvatore Catanzaro (Gloria), davanti ai citati Ivan Brusca e Luca Lauricella. La speciale classifica legata alle Scuderie ha visto il successo della Ro Racing Cianciana.

Il network specializzato Strade ’89 Sport & Comunicazione si occuperà adesso di amplificare ulteriormente l’offerta promozionale legata al 1° Autoslalom Miniera “Cozzo Disi” Casteltermini ed allo Challenge Palikè 022, attraverso servizi filmati e fotografici confezionati ed inviati alle principali testate e televisioni regionali nonché “postate” sui principali social media. Prossimo appuntamento con lo Challenge Palikè, con la Coppa dei Monti Sicani e con il Prix “Serena Casubolo” il 9 e 10 luglio prossimi, in occasione del 1° Autoslalom Valle dello Jato, ospite nel comprensorio tra San Giuseppe Jato e San Cipirello, nel Palermitano.

La classifica: 1) Giuseppe Giametta (Gloria B4 Yamaha Fazer), in 131,95 “punti-secondi” 2) Totò Arresta (Gloria B5 Evo  Suzuki), in 132,51 3) Salvatore Catanzaro (Gloria B5 Suzuki), in 139,72 4) Nicolò Incammisa (Radical SR4 Suzuki), in 144,18 5) Vito Fabio Di Falco (Gloria B4 Yamaha), in 151,79 6) Gabriele Giaimo (Fiat Cinquecento Sporting), in 151,87 7) Ivan Brusca (Peugeot 106 Gti 16v), in 152,67 8) Gero Zucchetto (Peugeot 106 Gti 16v), in 153,82 9) Vito Grammatico (Gloria B5 Suzuki), in 155,00 10) Luca Lauricella (Peugeot 106 Maxi Kit), in 155,23 11) Calogero Lombardo (Peugeot 106 Gti 16v), in 156,68 12) Sergio Bertolami (BRC Suzuki Hayabusa), in 158,39 13) Sabatino Pagnozzi (Renault Clio Rs), in 159,39 14) Emanuele Campo (Fiat 126 Proto), in 159,48 15) Angelo Sapia (Renault Clio Rs), in 159,51 16) Rosario Rattenuti (Peugeot 106 Gti 16v), in 160,24 17) Agostino Vitellaro Zuccarello (Renault Clio Williams), in 161,15 18) Antonio Milioti (Renault Clio Williams), in 161,45 19) Salvatore Valenti (Fiat Uno Turbo i.e.), in 161,50 20) Francesco Cigno (Peugeot 106 Gti 16v), in 161,90.

A proposito di Nicola Donato

"Essere scettici, realistici e prudenti è assolutamente necessario, altrimenti non si potrebbe fare il giornalismo". Il pensiero di Kapuscinski è anche il mio. Fin da piccolo sono stato sempre appassionato di giornalismo. A scuola fondai un giornalino dal nome "Fatti e idee". La mia passione fu alimentata negli anni novanta, in piena età adolescenziale, da mio padre che conduceva trasmissioni radiofoniche di carattere sportivo presso l’emittente marsalese Radio Azzurra. La passione per il giornalismo cominciò a diventare anche un lavoro a partire dal 2005. Ecco, in rapida successione, le mie esperienze maturate nel campo giornalistico: 2005 – 2007 Conduttore televisivo emittente Canale 2 Marsala; 2007 – 2012 Redattore presso il quotidiano “Il Corriere Trapanese”; 2012-2014 Telecronista Ermes Tv Marsala; 2014 a tutt’oggi direttore del periodico cartaceo “Leggo Città Marsala”; Dal 2015 a tutt’oggi conduttore televisivo presso l’emittente televisiva Canale 2 Marsala; Dal 2022 direttore dell'emittente televisiva Canale 2. Dal primo dicembre del 2019 Leggo Città ha stretto una collaborazione con un gruppo editoriale locale permettendo la nascita di Trileggo di cui ne sono il Direttore. 14/10/2018 Premiato come ospite d'onore alla 19ma edizione del premio Europeo Tindari; 16/01/2021 conferimento d'onore da parte della Fondazione Internazionale Papa Clemente XI di Tirana (Albania) quale membro d'onore per proficua attività giornalistica svolta.

Vedi anche

Star Cycling Lab ben figura durante tutto il week end

Star Cycling Lab protagonista durante tutto il week end senza però cogliere nessun podio!  Il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.