domenica , 21 Luglio 2024

ITET Garibaldi “Scuola al Centro” al Museo degli Arazzi Fiamminghi

Procedono le attività del PON “Scuola al Centro”, realizzato dall’ ITET GARIBALDI secondo la metodologia del Service-learning, unendo la cittadinanza attiva, le azioni solidali e l’impegno in favore della comunità con lo sviluppo di competenze tanto sociali quanto disciplinari. Il team sta monitorando i lavori di restauro della Chiesa del Collegio che diventerà la nuova sede del Museo degli Arazzi Fiamminghi. Dopo l’incontro con gli “Amici del Museo degli Arazzi”, i ragazzi hanno ascoltato l’architetto Luigi Biondo, progettista del nuovo museo.

Quindi il team dell’ITET ha avuto la possibilità di visitare la struttura e intervistare l’Arciprete Don Marco Renda nel giorno del ritorno degli Arazzi a Marsala. Straordinaria anche l’opportunità di intervistare l’assessore Regionale ai Beni Culturali Alberto Samonà, il quale ha assunto l’impegno a riaprire il Museo entro il 2022.

“Abbiamo potuto constatare, con grande soddisfazione, che sono iniziati i lavori di ristrutturazione della Chiesa del Collegio. Partire dagli Open Data, conoscere la storia degli Arazzi e seguire l’Iter per la realizzazione del nuovo museo è per noi un importante esperienza di crescita culturale.” -dichiarano i ragazzi del team “Il nostro obbiettivo è anche quello di non far dimenticare alla città l’esistenza di questi gioielli, tenendo alta l’attenzione sulla realizzazione dei lavori e seguendone le fasi”.

“Unire il sapere al saper fare, acquisire importanti soft skills e, al tempo stesso, fornire un servizio alla città in termini di comunicazione e monitoraggio civico è una proposta pedagogica innovativa che consente, al tempo stesso, di migliorare l’apprendimento e di potenziare i valori della cittadinanza attiva.” Hanno affermato le tutor Giovanna Cennamo e Antonella Milazzo, “L’ITET si conferma una scuola all’avanguardia, attenta all’acquisizione di competenze e aperta al territorio e ai suoi bisogni”.

A proposito di Redazione

Il giornale si pone l’obiettivo di raccontare con assoluta trasparenza, un volto inedito della Sicilia; profumi, colori ma anche sfumature e ombre non ancora nitide di una terra in continuo mutamento. Esperti del settore che, attraverso le loro rubriche, racconteranno in modo inedito ed esclusivo una terra piena di risorse ma troppo spesso dimenticata. TriLEGGO vuole rappresentare un punto di riferimento unico per i visitatori del tempo che vorrebbero riportare nella loro mente i profumi e gli odori di una terra a tratti dimenticata. Ci occupiamo, inoltre, di fatti di attualità, cronaca, politica e sport senza sentirci fonte di informazione ma strumento dell’informazione. “Puoi leggere, leggere, leggere, che è la cosa più bella che si possa fare in gioventù: e piano piano ti sentirai arricchire dentro, sentirai formarsi dentro di te quell’esperienza speciale che è la cultura”, Pasolini.

Vedi anche

“Il mare colore dei libri”: tutti gli incontri

Dal 26 al 28 luglio San Pietro ospiterà il Festival che promuove l’editoria contemporanea E’ …