domenica , 21 Luglio 2024

IL COMANDANTE GENERALE DELL’ARMA DEI CARABINIERI, GENERALE DI CORPO D’ARMATA TEO LUZI, IN VISITA AL COMANDO PROVINCIALE DI PALERMO

Il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata Teo Luzi, si è recato oggi in Sicilia dove ha visitato il Comando Provinciale di Palermo. Questa mattina, dopo essere atterrato all’aeroporto “Falcone e Borsellino”, è stato accolto dal Comandante Interregionale “Culqualber”, Generale di Corpo d’Armata Riccardo Galletta, e dal Comandante della Legione “Sicilia”, Generale di Brigata Rosario Castello. A riceverlo al Comando Provinciale è stato il Comandante, Generale di Brigata Giuseppe De Liso, dove il Comandante Generale, nel più rigoroso rispetto della normativa anti-pandemica, ha incontrato una delegazione del personale di tutte le articolazioni del Comando Provinciale e dei reparti dell’Organizzazione Speciale e Mobile dell’Arma con sede a Palermo. Nella circostanza, il Generale Luzi ha espresso un sentito ringraziamento ai militari della provincia di Palermo per la preziosa opera che svolgono a tutela dei cittadini e nel contrasto a ‘Cosa Nostra’, evidenziando i brillanti risultati conseguiti coralmente dalle Stazioni Carabinieri, dalle Compagnie e dai Nuclei Investigativi di Palermo e Monreale e volti a sottrarre costantemente importanti spazi di illiceità ai mafiosi. Prima della visita al Comando Provinciale, il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri si è recato in visita alla Stazione Carabinieri Palermo Uditore(bene confiscato a Cosa Nostra, ultimo rifugio del latitante Salvatore Riina), ove ha pranzato con i militari.

A proposito di Redazione

Il giornale si pone l’obiettivo di raccontare con assoluta trasparenza, un volto inedito della Sicilia; profumi, colori ma anche sfumature e ombre non ancora nitide di una terra in continuo mutamento. Esperti del settore che, attraverso le loro rubriche, racconteranno in modo inedito ed esclusivo una terra piena di risorse ma troppo spesso dimenticata. TriLEGGO vuole rappresentare un punto di riferimento unico per i visitatori del tempo che vorrebbero riportare nella loro mente i profumi e gli odori di una terra a tratti dimenticata. Ci occupiamo, inoltre, di fatti di attualità, cronaca, politica e sport senza sentirci fonte di informazione ma strumento dell’informazione. “Puoi leggere, leggere, leggere, che è la cosa più bella che si possa fare in gioventù: e piano piano ti sentirai arricchire dentro, sentirai formarsi dentro di te quell’esperienza speciale che è la cultura”, Pasolini.

Vedi anche

“Il mare colore dei libri”: tutti gli incontri

Dal 26 al 28 luglio San Pietro ospiterà il Festival che promuove l’editoria contemporanea E’ …