lunedì , 29 Novembre 2021

Rassegna “’a Scurata”, conferito premio alla carriera per Piero Scardino

Il talentuosissimo chitarrista scomparso prematuramente nel 1994, all’età di 40 anni, è stato insignito di un riconoscimento alla carriera per sottolineare che l’arte va oltre ogni dimensione, supera i confini del tempo e rimane indimenticabile. Domani 27 agosto, la rassegna continua con il concerto solo piano di Emanuele Chirco “Tra le mie cose”, domenica 29 sarà la volta di “Blues in 16” a cura della Kinisia Blues band con Massimo Graffeo e Fabiola Filardo; mercoledì 1 settembre l’associazione Carpe Diem si esibirà nel concerto “Da Nick a Chick, storie di Jazz e di Siciliani”, la serata sarà dedicata all’artista marsalese Vito Trapani e saranno esposte alcune delle sue opere.

Nasce nel 1954 e a 12 anni s’innamora della chitarra. Lo fa per caso, quasi in silenzio. Suo fratello maggiore prendeva lezioni e poi a casa strimpellava per esercitare quanto appreso dal maestro. Lui si metteva lì, e osservava, ascoltava e chiedeva al fratello di insegnargli qualche giro di accordi. Un pomeriggio, dopo un paio di mesi, rincasando dopo la consueta passeggiata con gli amici, suo fratello sente la sua chitarra suonare. Era Piero Scardino, che ad orecchio aveva imparato tutto, anzi, molto di più. Un talento naturale, una genialità ed una velocità e pulizia d’esecuzione che ancora, a distanza di trent’anni dalla sua prematura scomparsa, lo rende indimenticabile ed indimenticato. Figlio di un falegname e di una maestra, con il suo strumento di legno tra le mani diventava un maestro. Come autodidatta, grazie a suo fratello Nino ascolta giganti come Hendrix, Frank Zappa, Beatles e Rolling Stones e a soli 15 anni era in grado di riprodurne le acrobazie musicali. Davvero non si contano i gruppi con i quali ha suonato: Prima Visione, Quinta dimensione, Nuova Formula e Telestar e con i Dioscuri di Vito Calia e poi gli CiaoPé fino al 1994. Partecipò come primo chitarrista al Festival Lilibaeum condotto da Pippo Baudo. Fu riconosciuto a livello regionale come chitarrista estroverso e virtuoso, un vero velocista all’altezza dei musicisti di fama mondiale. Dalla sua scomparsa, il suo nome diventò leggenda. Ora la Rassegna “’a Scurata” gli rende onore e merito con un premio alla memoria. “Siamo certi che Piero non ha mai smesso di suonare, ovunque sia – affermano i componenti del Movimento Artistico culturale città di Marsala –. D’altronde, anche nel suo cammino post terreno ha avuto con sé la sua chitarra, la sua inseparabile Gibson Diavoletto, la stessa che suonava Frank Zappa. Abbiamo voluto fortemente dedicare un premio a lui perché la nostra rassegna valorizza bellezza e talento e Piero ne è davvero un grande esempio”. Dunque la rassegna “’a Scurata”, oltre ad essere una kermesse che punta a realizzare un cartellone di livello, in uno scenario di struggente bellezza, quale è il teatro a mare “Pellegrino 1880”, nella Salina Genna, in questo modo si intesta anche il dovere della memoria di chi si è distinto per qualità e talento, dando lustro al territorio.  La consegna del premio alla carriera  è avvenuta ieri sera, 25 agosto. Andrea Russo e Giusy Curcio, rispettivamente figlio e moglie di Enrico Russo, a cui l’intera rassegna è dedicata, hanno consegnato il premio nelle mani di Vincenzo Scardino (sul palco con il figlioletto Andrea), figlio, così come Adriano, di Piero Scardino, e musicista anche lui.

Ma la Rassegna organizzata dal Movimento Artistico culturale città di Marsala non si ferma: domani 27 agosto è atteso il concerto di Emanuele Chirco in solo pianoforte dal titolo: “Tra le mie cose”.
Domenica 29 agosto sarà la volta di “Blues in 16 di Stefano Benni“ con Massimo Graffeo e Fabiola Filardo e musiche della Kinisia Blues band. In “Blues in sedici” Stefano Benni prende spunto da un fatto di cronaca degli anni ‘80. “Nel cuore della notte, un padre, operaio disoccupato, esce di casa, per raggiungere una sala videogiochi. Lì c’è suo figlio. Avviene un regolamento di conti. Il padre fa scudo col suo corpo al figlio e muore. Lessi questa notizia e pensai a raccontarla in versi. Dedico il blues a tutti gli eroi quotidiani e sconosciuti del nostro orribile e meraviglioso paese” spiega Benni. A dar voce alla ballata saranno Massimo Graffeo e Fabiola Filardo mentre le musiche saranno a cura della Kinisia Blues Band: Pasquale Nuccio – batteria; Diego Buffa – basso; Nino Casano – chitarre; Gregorio Caimi – chitarre; Salvatore Sinatra – piano elettrico; Pasquale Salerno – voce. Biglietti da 12 a 15 euro https://www.ciaotickets.com/biglietti/blues-16-di-stefano-benni-marsala

Mercoledì 1 settembrela serata sarà dedicata ad un artista marsalese scomparso prematuramente: Vito Trapani. Alcune delle sue opere scultoree saranno esposte nell’area antistante il teatro a mare “Pellegrino 1880” e a lui sarà dedicato un momento di ricordo, alla presenza die familiari. La scelta della serata non è stata causuale, infatti ad esibirsi saranno i musicisti dell’Associazione Carpe Diem, nella cui sede una sala è dedicata a Vito Trapani.
Lo spettacolo accoglierà musica di alto livello con il concerto dal titolo: “Da Nick a Chick – Storie di jazz e di siciliani”. Evento rivelazione che svela il ruolo degli artisti di origine siciliana nella nascita e nello sviluppo di questo genere musicale. Non molti sanno, ad esempio, che il primo disco di Jazz, nel 1917, fu inciso da Nick La Rocca, di origini di Salaparuta (provincia di Trapani). Lo spettacolo parlerà anche: Tony Scott (di origine di Salemi), Joe Pass (Messina) e di Chick Corea. Si esibiranno: Michele Pantaleo – chitarra; Giacomo Bertuglia – contrabbasso; Fabio Gandolfo – pianoforte; Felice Cavazza – batteria; Lorenzo Barbuto – sax; Tony Anguzza – trombone; Maurizio Virgilio – tromba; Antonella Parnasso – voce. “Un viaggio nella storia del Jazz dove i siciliani hanno un posto fondamentale, a cominciare da Nic La Rocca per finire con Chick Corea. Sarà una piccola storia, suonata e raccontata, di ciò che è successo in un secolo e più”, spiega Fabio Gandolfo.

Biglietti da 12 a 15 euro https://www.ciaotickets.com/biglietti/da-nick-chick-marsala
Info ai numeri: 0923956105 oppure 3208011864

A proposito di Redazione

Il giornale si pone l’obiettivo di raccontare con assoluta trasparenza, un volto inedito della Sicilia; profumi, colori ma anche sfumature e ombre non ancora nitide di una terra in continuo mutamento. Esperti del settore che, attraverso le loro rubriche, racconteranno in modo inedito ed esclusivo una terra piena di risorse ma troppo spesso dimenticata perché arida di memoria e cultura. TriLEGGO vuole rappresentare un punto di riferimento unico per i visitatori del tempo che hanno smarrito la memoria storica ma che vorrebbero riportare nella loro mente i profumi e gli odori di una terra ormai lontana, desueta e a tratti dimenticata. Ci occupiamo, inoltre, di fatti di attualità, cronaca, politica e sport senza sentirci fonte di informazione ma strumento dell’informazione. “Puoi leggere, leggere, leggere, che è la cosa più bella che si possa fare in gioventù: e piano piano ti sentirai arricchire dentro, sentirai formarsi dentro di te quell’esperienza speciale che è la cultura”, Pasolini.

Vedi anche

MARSALA. DA OGGI IN SERVIZIO QUATTRO NUOVI FUNZIONARI A TEMPO DETERMINATO

Hanno preso servizio oggi al Comune di Marsala quattro nuovi funzionari, due dell’area tecnica e …