venerdì , 26 Febbraio 2021

La Capitale della Cultura 2022 non sarà Trapani ma Procida

La città di Trapani non sarà Capitale della Cultura 2022. Ha vinto Procida. La giuria presieduta dal prof. Stefano Baia Curioni, dopo aver esaminato i dieci progetti delle città che si erano proposte ha scelto la città metropolitana di Napoli. “Per i siciliani Trapani rimane l’ideale Capitale della cultura per il 2022. E continueremo a lavorare, in sinergia con le istituzioni del territorio, per arricchire e riqualificare l’offerta turistica e culturale della città e della sua provincia, autentico giacimento in un’Isola che resta fra le più attraenti terre al mondo, ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.

“Abbiamo appena saputo che Trapani non sarà la Capitale della Cultura 2022, ha vinto l’isola di Procida, a cui facciamo i nostri migliori auguri. Ovviamente siamo dispiaciuti perché, tra le altre cose, il riconoscimento alla città di Trapani avrebbe dato una spinta ulteriore al rilancio dell’aeroporto nel post Covid. Ciò che resta è la capacità che ha avuto il territorio di unirsi per presentarsi al meglio e ben figurare in questa prestigiosa passerella. Cultura, bellezze naturali e architettoniche le abbiamo e non sono passate inosservate ed è grazie a queste e alla nostra grinta, insieme alle nostre irresistibili specialità gastronomiche, che riusciremo a conquistare importanti fette di turismo quando il mondo sarà tornato alla normalità. Forza Trapani, sempre!” è il commento di Salvatore Ombra, presidente di Airgest società di gestione dell’aeroporto di Trapani Birgi alla novizia della scelta di Procida per il titolo di Capitale della Cultura.

A proposito di Redazione

Il giornale si pone l’obiettivo di raccontare con assoluta trasparenza, un volto inedito della Sicilia; profumi, colori ma anche sfumature e ombre non ancora nitide di una terra in continuo mutamento. Esperti del settore che, attraverso le loro rubriche, racconteranno in modo inedito ed esclusivo una terra piena di risorse ma troppo spesso dimenticata perché arida di memoria e cultura. TriLEGGO vuole rappresentare un punto di riferimento unico per i visitatori del tempo che hanno smarrito la memoria storica ma che vorrebbero riportare nella loro mente i profumi e gli odori di una terra ormai lontana, desueta e a tratti dimenticata. Ci occupiamo, inoltre, di fatti di attualità, cronaca, politica e sport senza sentirci fonte di informazione ma strumento dell’informazione. “Puoi leggere, leggere, leggere, che è la cosa più bella che si possa fare in gioventù: e piano piano ti sentirai arricchire dentro, sentirai formarsi dentro di te quell’esperienza speciale che è la cultura”, Pasolini.

Vedi anche

Marsala calcio. I tifosi si chiedono se ci sarà futuro…

Sono questi anni bui per il calcio marsalese. Il terzo posto ottenuto tre anni fa …