lunedì , 10 Agosto 2020

Andreana Patti rinuncia alla candidatura a Sindaco di Marsala

La lettera di Andreana Patti con cui ha spiegato la rinuncia alla sua candidatura a Sindaco: “Circa un mese fa ho rappresentato pubblicamente la volontà di mettermi a servizio della mia città, Marsala! Ho motivato la mia scelta, tenendo conto del fatto che l’unica modalità che può porre le basi per una crescita civica è quella che impone unità di intenti e capacità di recuperare le cose buone fatte per programmare e lanciarsi verso un futuro che si presenta carico di incertezze economiche e sociali: unico vero argomento che dovrebbe stare al centro del dibattito e fuori dai personalismi. In queste settimane sono stati tantissimi i confronti con la società civile e i giovani di questo territorio che hanno fatto nascere temi e proposte interessanti in materia di economia circolare, sostenibilità, Information and Communications Technology, agricoltura, mobilità sostenibile, cultura e città a misura di bambini e diversamente abili, infrastrutture, ecc. Mi rammarica constatare che quanto generosamente è stato offerto, non solo e non tanto da parte mia, quanto piuttosto da una base civica e sociale che a me si è rivolta, sia stato considerato come una minaccia nei confronti di posizioni personali piuttosto che come risorse messe a disposizione con l’unico obiettivo di gettare le basi per un futuro condiviso nel segno dello sviluppo della città. Posizioni che sono state rigide, ferme, non aperte neppure ad un incontro. Ho già espresso la mia inadeguatezza ai tatticismi e alle strategie da campagne elettorali che non mi è parso si siano accompagnati al confronto e dibattito per la costruzione prima di tutto di un programma politico di sviluppo della città. Cionondimeno ho ribadito alle numerose persone che ho incontrato che il mio impegno per Marsala continua. Metterò, come già fatto, a disposizione la mia professionalità. Nel mio ruolo e con le mie competenze lavorerò per la crescita di un territorio, ma lo farò con più consapevolezza, forte delle istanze che vengono da una parte ampia di giovani e meno giovani che non si sentono ascoltati, né rappresentati da chi riveste ruoli istituzionali e neppure da chi adesso si candida a farlo. Per quanto mi riguarda e nonostante le continue sollecitazioni a porsi dentro la competizione elettorale, ritengo sia necessario testimoniare coerenza con quanto da me espresso in termini di unità e coralità di obiettivi e progetti, ringraziando tutti coloro che mi hanno incoraggiata. A questi ultimi rivolgo la mia più sincera gratitudine per l’opportunità che mi hanno regalato di conoscere realtà e persone belle della nostra comunità che hanno parlato anche con la passione delle emozioni che il cambiamento richiede. A questi ultimi e ai giovani di questo territorio va il mio personale impegno a spendermi ancora di più per non perdere il confronto che è la base della vera democrazia e per realizzare progetti anche ambiziosi per la nostra realtà. La mia non candidatura a sindaco non è un passo indietro rispetto all’impegno per Marsala, ma è la presa di coscienza che un lavoro in termini di dialogo e di progettualità richiede tempi e soprattutto richiede unità, confronto e democrazia. Io ci sarò per la Marsala che ha qualcosa da dire e che non vuole subire le decisioni da parte di chi si erge o arrocca su posizioni definite autorevoli e giuste per definizione. La competizione dialettica non può essere solo una pratica pre elettorale. Io ci sarò per chi rivendica un pensiero divergente e crede che Marsala possa volare pur rimanendo ancorata alle sue radici. Io ci sarò per chi sfugge a dinamiche piramidali di partiti che si sono strutturati via via riducendo a lumicino la possibilità di partecipazione democratica dal basso, complici leggi elettorali ruffiane e indecenti rispetto all’intendimento repubblicano dei padri costituenti. Io ci sarò, ma sarò una tra i tanti che sanno fare e per questo hanno il diritto di dire, di rivendicare uno spazio di pensiero e di azione in un tempo di frenetico immobilismo dove tutto sembra già fatto. Morti sia il capitalismo che il comunismo e tra le ceneri del populismo credo che si possa costruire un nuovo umanesimo: un tempo in cui dalla statica gestione delle cariche si passi alla creativa rappresentatività di chi resta oltre di chi resiste e propone una nuova Marsala, memore della meravigliosa Lilybeo e accogliente come Marsa Alì. ” Patti

A proposito di Nicola Donato

Nutrii la passione per il giornalismo fin da piccolo. A scuola, infatti, fondai un giornalino dal nome "Fatti e idee". Era una raccolta di ricerche e temi svolti durante l'attività scolastica. Nei primi anni '90, ancora minorenne, appoggiai mio padre nella conduzione di programmi radiofonici di carattere sportivo. La passione per il giornalismo cominciò a diventare anche un lavoro a partire dal 2005. Scrivevo per un quotidiano di carattere provinciale dal nome "Il Corriere Trapanese". Iniziai, subito dopo, a condurre trasmissioni televisive di sport presso l'emittente marsalese "Canale 2" occupandomi anche delle telecronache del Marsala calcio. Dal 2014 sono direttore della rivista periodica "Leggo Città Marsala" e dall'ambito sportivo sono passato ad occuparmi anche di politica e cronaca. (www.leggocittamarsala.it). Dal primo dicembre del 2019 Leggo Città ha stretto una collaborazione con un gruppo editoriale locale permettendo la nascita di Trileggo di cui ne sono il Direttore.

Vedi anche

L’82° Centro C.S.A.R. dell’Aeronautica Militare effettua 3 ore di volo e 22 lanci con 20mila litri di acqua per combattere un incendio

Oggi un equipaggio dell’82° Centro C.S.A.R. (Combat Search And Rescue) di Trapani, è intervenuto per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *