martedì , 7 Aprile 2020

“Nel giardino dei limoni”, la mostra personale di Giovanni Proietto al Convento del Carmine

La mostra personale dell’artista Giovanni Proietto dal titolo “Nel giardino dei limoni”, a cura di Gianna Panicola, organizzata e coordinata da Nello Basili, media partner Officine delle Arti di Agrigento, sarà inaugurata venerdì 6 marzo 2020, alle ore 18.00, presso la sala Giovanni Cavarretta del Convento del Carmine, sede dell’Ente Mostra di Pittura Contemporanea Città di Marsala.

“E’ un bisogno dell’uomo – scrive la curatrice – quello di esprimersi in armonia con i luoghi che lo ospitano, di riceverne nutrimento e di donarne godimento. Giovanni Proietto ci invita ad entrare nel suo giardino, a conoscere una parte del suo mondo, che ha coltivato con amore, celebrandolo con i suoi frutti del pensiero. Uomini e donne, divinità e demoni, animali e creature fantastiche, frutti e piante, vivono l’amore in un gioco che è apertura, pura estasi e gioia. Si fondono e si confondono in un continuo scambio di sessi e di attributi, stuzzicando curiosità e desiderio di scoperta”.

Durante l’inaugurazione interverranno Nicola Bravo Aniello e Claudio Forti. Giovanni Proietto, nato ad Hannover (DDD) nel 1971, inizia a dipingere da autodidatta. Solo in età matura si iscrive prima al liceo artistico ed in seguito all’Accademia di Belle Arti. Pittore colorista dai connotati Pop-Espressionistici, lavora prevalentemente con le spatole, predilige le tecniche miste, ama misurarsi con supporti e materiali non convenzionali, preferisce definirsi un pittore contaminato, attingendo a piene mani dalla storia dell’arte per rielaborare un suo personale linguaggio, che altro non è che il racconto del suo vivere quotidiano. I suoi dipinti fanno parte di diverse collezioni private e pubbliche. Ha ideato un laboratorio con malati di Alzheimer e realizzato una relativa mostra con gli elaborati. Vive e lavora a Realmonte.

A proposito di Redazione

Il giornale si pone l’obiettivo di raccontare con assoluta trasparenza, un volto inedito della Sicilia; profumi, colori ma anche sfumature e ombre non ancora nitide di una terra in continuo mutamento. Esperti del settore che, attraverso le loro rubriche, racconteranno in modo inedito ed esclusivo una terra piena di risorse ma troppo spesso dimenticata perché arida di memoria e cultura. TriLEGGO vuole rappresentare un punto di riferimento unico per i visitatori del tempo che hanno smarrito la memoria storica ma che vorrebbero riportare nella loro mente i profumi e gli odori di una terra ormai lontana, desueta e a tratti dimenticata. Ci occupiamo, inoltre, di fatti di attualità, cronaca, politica e sport senza sentirci fonte di informazione ma strumento dell’informazione. “Puoi leggere, leggere, leggere, che è la cosa più bella che si possa fare in gioventù: e piano piano ti sentirai arricchire dentro, sentirai formarsi dentro di te quell’esperienza speciale che è la cultura”, Pasolini.

Vedi anche

Emergenza Coronavirus: controlli serrati della Polizia di Stato

Numerosissimi i “controlli su strada” effettuati dalla Polizia di Stato in provincia di Trapani per …