sabato , 13 Luglio 2024

Marsala calcio. Situazione difficile, la società prenda posizione

Siamo stanchi di dover convivere ogni anno sempre con gli stessi problemi, a Marsala purtroppo non si riesce a fare calcio, a programmare una stagione senza tormenti, in cui si possa parlare di calcio giocato, delle prodezze dei nostri ragazzi o delle loro brutte prestazioni.

Come ci insegna la storia dell’ultimo ventennio, superando il mese di novembre non si fa altro che parlare di ritardi nel pagamento degli stipendi e di problemi societari di vario genere, per saperne di più basta leggere il comunicato dei giocatori in calce a questo articolo. La situazione è ancor pià difficile dello scorso anno, in quanto anche la classifica è preoccupante.

Questa società ha messo tanto impegno e questo lo si percepisce guardando il manto erboso del nostro stadio, finalmente il Nino Lombardo Angotta ha un prato verde per come merita e provveduto ad eseguire diversi lavori di manutenzione dell’impianto, ma questo purtroppo non è sufficiente per sentirsi appagati perchè la realtà vede dei calciatori che si dichiarano stanchi e abbandonati.

Anche nella scorsa stagione si parlava tanto di ritardi degli stipendi ma a febbraio praticamente la salvezza era stata già acquisita. Quest’anno è molto diverso, questi ragazzi che formano una squadra sicuramente non di fenomeni ma di ottimi operai del pallone, per poter raggiungere l’obiettivo della salvezza devono lavorare nella massima serenità e qui non si chiede, anzi sono loro stesso a non chiederla, la perfezione ma gli arretrati cominciano a diventare tanti.

L’unico messaggio che mi sento di dire al momento è di uscire allo scoperto. L’imprenditore Cottone, persona vulcanica e molto simpatica, ha un ruolo però importante, è il presidente del Marsala e insieme ai suoi collaboratori ha un impegno con la città preso in estate. Non scordiamoci anche le vertenze giunte in questi giorni da calciatori della passata stagione, il mancato pagamento comporterebbe una penalizzazione in classifica.

Ecco un passaggio importante del comunicato della squadra: “Nella riunione avvenuta venerdì 14 febbraio 2020 con la proprietà e i calciatori, dopo ben 8 ore di attesa, ci è stato detto che non ci sono più Soldi nella casse della società ed eravamo liberi pure di andare a casa.”

Quindi alla società diciamo che, se non ci sono le possibilità economiche, di fare un passo indietro per rispetto dei tifosi e degli sportivi ma anche delle istituzioni e infine della stampa. Ha senso cercare di raggiungere la salvezza se ci sono delle prospettive e pagare le trasferte, il vitto e l’alloggio non è sufficiente per fare calcio a determinati livelli. Oppure dimostri il contrario smentendo il comunicato dei calciatori.

I tifosi, quelli più passionali, invece, sperano stasera di andare a letto pensando che questo sia un brutto sogno… e risvegliarsi domani facendo un grosso sospiro di sollievo…

Ecco il comunicato letto da capitan Candiano: “

Buonasera a tutti.
Parlo a nome della Squadra.
Dopo il comunicato scritto il 15 Febbraio 2020 volevamo ribadire e precisare visto quanto smentito dalla proprietà tutto quello che di assurdo stiamo vivendo mettendoci la faccia.
Nella riunione avvenuta venerdì 14 febbraio 2020 con la proprietà e i calciatori, dopo ben 8 ore di attesa, ci è stato detto dalla proprietà che non ci sono più Soldi nella casse della società ed eravamo liberi pure di andare a casa.
Nonostante ciò abbiamo rispettato ed onorato la trasferta di Castrovillari.
Dopo questa tranferta per tutta la settimana la proprietà è sparita.
Successivamente, nell’assurda giornata di domenica 23 Febbraio 2020, prima del riconoscimento con l’arbitro, nella partita di Marsala-Troina, ci siamo ritrovati senza maglie da gioco come si può vedere in alcune immagini.
Nel dopo partita, avendo rincorso per l’ennesima volta la proprietà, abbiamo avuto l’ennesimo confronto.
In questo Confronto ci sono state fatte ancora promesse, una di queste era che entro il giorno successivo cioè lunedì 24 febbraio 2020 la proprietà avrebbe dovuto farci sapere in che modo bisognava andare avanti e quali fossero le intenzioni della società.
Fino ad oggi mercoledì 26 febbraio 2020 , la proprietà non ha fatto sapere nulla e siamo ancora in attesa di una risposta.
Dopo spiegato in pochissime parole il tutto, volevamo specificare anche se abbiamo ricevuto l’ultimo rimborso spese a Dicembre 2019, che si trattava del corrispettivo della mensilità di Ottobre 2019 quindi siamo indietro di 4 mensilità e siamo  come potete immaginare, in grosse difficoltà economiche giornaliere.
Ci sentiamo abbandonati da tutta la società in tutto e per tutto, umiliati, non rispettati, perché ricordiamoci che prima di essere calciatori siamo ESSERI Umani.
Nel frattempo noi stiamo continuando ad allenarci, insieme allo staff con grande professionalità, rispettando i nostri contratti.
Speriamo che il tutto possa risolversi nel più breve tempo possibile, soprattutto per assicurare tranquillità non solo a noi ma alle nostre famiglie.
E Vorremmo semplicemente essere messi nelle condizioni di svolgere il nostro lavoro al massimo, perché nessuno ci ha mai messo nelle condizioni di farlo.
Ribadiamo che daremo l’anima fino alla fine per questa maglia e questa Città per cercare di arrivare all’unico obiettivo comune, il raggiungimento in tutti i modi della salvezza.
Forza Marsala.”

A proposito di Nicola Donato

"Essere scettici, realistici e prudenti è assolutamente necessario, altrimenti non si potrebbe fare il giornalismo". Il pensiero di Kapuscinski è anche il mio. Fin da piccolo sono stato sempre appassionato di giornalismo. A scuola fondai un giornalino dal nome "Fatti e idee". La mia passione fu alimentata negli anni novanta, in piena età adolescenziale, da mio padre che conduceva trasmissioni radiofoniche di carattere sportivo presso l’emittente marsalese Radio Azzurra. La passione per il giornalismo cominciò a diventare anche un lavoro a partire dal 2005. Ecco, in rapida successione, le mie esperienze maturate nel campo giornalistico: 2005 – 2007 Conduttore televisivo emittente Canale 2 Marsala; 2007 – 2012 Redattore presso il quotidiano “Il Corriere Trapanese”; 2012-2014 Telecronista Ermes Tv Marsala; 2014 a tutt’oggi direttore del periodico cartaceo “Leggo Città Marsala”; Dal 2015 a tutt’oggi conduttore televisivo presso l’emittente televisiva Canale 2 Marsala; Dal 2022 direttore dell'emittente televisiva Canale 2. Dal primo dicembre del 2019 Leggo Città ha stretto una collaborazione con un gruppo editoriale locale permettendo la nascita di Trileggo di cui ne sono il Direttore. 14/10/2018 Premiato come ospite d'onore alla 19ma edizione del premio Europeo Tindari; 16/01/2021 conferimento d'onore da parte della Fondazione Internazionale Papa Clemente XI di Tirana (Albania) quale membro d'onore per proficua attività giornalistica svolta.

Vedi anche

RICERCATO IN CAMPO INTERNAZIONALE: ARRESTATO A TRAPANI DALLA POLIZIA DI STATO

Un trentenne, di nazionalità indiana, è stato tratto in arresto lunedì 8 luglio u.s. dalla …