sabato , 13 Luglio 2024

RUBBINO: «L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA E’ UN DISASTRO PER IL SUD»

Approvando la legge sull’autonomia differenziata non hanno fatto altro che penalizzare il sud, dividendo l’Italia in un nord da serie A e un sud da serie B. Brava la Meloni che ha accettato questo giochetto della Lega» Lo ha dichiarato l’esponente di spicco del Movimento Uguaglianza per la Sicilia Salvatore Rubbino.
Il disegno di legge era una delle promesse contenute nel programma elettorale della Meloni. Il testo era stato presentato in Parlamento dal governo a marzo 2023, ricevendo, poi, l’ok del Senato nel gennaio scorso.
In questi mesi i partiti dell’opposizione hanno provato a rallentare i lavori al Senato e alla Camera facendo ostruzionismo e il 13 giugno un deputato del Movimento 5 Stelle è stato aggredito in aula da alcuni parlamentari della maggioranza mentre cercava di consegnare, con un gesto plateale, la bandiera tricolore dell’Italia al ministro per gli Affari regionali e le Autonomie Roberto Calderoli della Lega, uno dei simboli dell’autonomia differenziata.

Il Governo sostiene che concedere maggiore autonomia alle regioni permetterà di migliorare i servizi per i cittadini e migliorerà i bilanci delle Regioni; il Governo, invece, sostiene che concedere maggiore autonomia alle regioni aumenterà le disuguaglianze tra i territori e peggiorerà i servizi già carenti nelle regioni del sud.
La nuova legge stabilisce che alle regioni può essere concessa maggiore autonomia solo dopo che siano stati determinati i cosiddetti “livelli essenziali delle prestazioni”, un’espressione spesso abbreviata con la sigla “LEP”, che rappresentano i requisiti minimi di servizio da garantire in modo uniforme in tutto il territorio nazionale, per assicurare i diritti sociali e civili sanciti dalla Costituzione.

A proposito di Nicola Donato

"Essere scettici, realistici e prudenti è assolutamente necessario, altrimenti non si potrebbe fare il giornalismo". Il pensiero di Kapuscinski è anche il mio. Fin da piccolo sono stato sempre appassionato di giornalismo. A scuola fondai un giornalino dal nome "Fatti e idee". La mia passione fu alimentata negli anni novanta, in piena età adolescenziale, da mio padre che conduceva trasmissioni radiofoniche di carattere sportivo presso l’emittente marsalese Radio Azzurra. La passione per il giornalismo cominciò a diventare anche un lavoro a partire dal 2005. Ecco, in rapida successione, le mie esperienze maturate nel campo giornalistico: 2005 – 2007 Conduttore televisivo emittente Canale 2 Marsala; 2007 – 2012 Redattore presso il quotidiano “Il Corriere Trapanese”; 2012-2014 Telecronista Ermes Tv Marsala; 2014 a tutt’oggi direttore del periodico cartaceo “Leggo Città Marsala”; Dal 2015 a tutt’oggi conduttore televisivo presso l’emittente televisiva Canale 2 Marsala; Dal 2022 direttore dell'emittente televisiva Canale 2. Dal primo dicembre del 2019 Leggo Città ha stretto una collaborazione con un gruppo editoriale locale permettendo la nascita di Trileggo di cui ne sono il Direttore. 14/10/2018 Premiato come ospite d'onore alla 19ma edizione del premio Europeo Tindari; 16/01/2021 conferimento d'onore da parte della Fondazione Internazionale Papa Clemente XI di Tirana (Albania) quale membro d'onore per proficua attività giornalistica svolta.

Vedi anche

RICERCATO IN CAMPO INTERNAZIONALE: ARRESTATO A TRAPANI DALLA POLIZIA DI STATO

Un trentenne, di nazionalità indiana, è stato tratto in arresto lunedì 8 luglio u.s. dalla …