sabato , 13 Luglio 2024

OMESSO VERSAMENTO I.V.A.: CONFISCATI CONTI CORRENTI E IMMOBILI AD UN IMPRENDITORE MAZARESE OPERANTE NEL SETTORE DEL COMMERCIO DI CARNI

I militari del Comando Provinciale di Trapani, su delega della Procura di Marsala, hanno eseguito un provvedimento di confisca nei confronti di un imprenditore mazarese, ex titolare di una società operante nel settore del commercio all’ingrosso di carni, la quale, all’esito di una verifica fiscale, è risultata aver sottratto all’Erario il versamento di oltre 430.000 euro di I.V.A.. L’odierna misura trae origine da pregresse investigazioni di polizia economico-finanziaria poste in essere dalla Tenenza della Guardia di Finanza di Mazara del Vallo le quali hanno permesso di accertare il mancato versamento nelle casse dell’Erario dell’imposta sul valore aggiunto esposta in dichiarazione e nelle liquidazioni periodiche degli anni 2012 e 2013 da parte della società che si rendeva così responsabile del superamento delle soglie di punibilità all’epoca previste per il reato di omesso versamento dell’I.V.A.. Per tale inadempimento, la Corte di Appello di Palermo ha emesso una sentenza definitiva di condanna per i fatti accertati, disponendo, altresì, la confisca dei conti correnti della società e dei beni mobili ed immobili del titolare, fino alla concorrenza dell’importo evaso. In esecuzione della predetta sentenza, i finanzieri hanno, dunque, sottoposto a provvedimento ablativo due conti correnti intestati alla società e immobili nella disponibilità dell’amministratore in carica all’epoca della commissione del reato, garantendo un concreto recupero dell’imposta evasa. L’attività di servizio, svolta sotto il determinante coordinamento della Procura della Repubblica di Marsala, testimonia l’incessante impegno profuso dal Corpo della Guardia di Finanza nel reprimere, a maggior ragione nell’attuale cornice storica, ogni genere d’illecito in grado di minare lo scenario economico del Paese e di assicurare a favore dello Stato il recupero di preziosissime risorse finanziarie.

A proposito di Nicola Donato

"Essere scettici, realistici e prudenti è assolutamente necessario, altrimenti non si potrebbe fare il giornalismo". Il pensiero di Kapuscinski è anche il mio. Fin da piccolo sono stato sempre appassionato di giornalismo. A scuola fondai un giornalino dal nome "Fatti e idee". La mia passione fu alimentata negli anni novanta, in piena età adolescenziale, da mio padre che conduceva trasmissioni radiofoniche di carattere sportivo presso l’emittente marsalese Radio Azzurra. La passione per il giornalismo cominciò a diventare anche un lavoro a partire dal 2005. Ecco, in rapida successione, le mie esperienze maturate nel campo giornalistico: 2005 – 2007 Conduttore televisivo emittente Canale 2 Marsala; 2007 – 2012 Redattore presso il quotidiano “Il Corriere Trapanese”; 2012-2014 Telecronista Ermes Tv Marsala; 2014 a tutt’oggi direttore del periodico cartaceo “Leggo Città Marsala”; Dal 2015 a tutt’oggi conduttore televisivo presso l’emittente televisiva Canale 2 Marsala; Dal 2022 direttore dell'emittente televisiva Canale 2. Dal primo dicembre del 2019 Leggo Città ha stretto una collaborazione con un gruppo editoriale locale permettendo la nascita di Trileggo di cui ne sono il Direttore. 14/10/2018 Premiato come ospite d'onore alla 19ma edizione del premio Europeo Tindari; 16/01/2021 conferimento d'onore da parte della Fondazione Internazionale Papa Clemente XI di Tirana (Albania) quale membro d'onore per proficua attività giornalistica svolta.

Vedi anche

RICERCATO IN CAMPO INTERNAZIONALE: ARRESTATO A TRAPANI DALLA POLIZIA DI STATO

Un trentenne, di nazionalità indiana, è stato tratto in arresto lunedì 8 luglio u.s. dalla …