venerdì , 26 Febbraio 2021

L’Amministrazione Comunale di Partanna ricorda la Shoah nel 76° anniversario della Giornata della Memoria

La memoria non si ferma. E anche quest’anno, nonostante l’emergenza Covid che continua a caratterizzare i nostri giorni e che impone distanziamento, l’Amministrazione Comunale di Partanna vuole ricordare il dramma della Shoah e della Deportazione, nel 76° anniversario della Giornata della Memoria e del Ricordo. “Riteniamo che la Giornata della Memoria non possa essere solo una data segnata sul calendario – dice l’assessore all’Istruzione, Cultura e Politiche sociali, Noemi Maggio – ma debba accompagnarci per tutto l’anno. Dobbiamo tutti fare in modo che sempre più gente tenga vivo il ricordo di quanto accaduto ed è compito delle istituzioni, delle associazioni e dei singoli cittadini, impegnarsi affinché nessuno dimentichi quelle orribili pagine di storia.  In questo periodo particolare, segnato da una pandemia senza precedenti, che non permette di organizzare iniziative dal vivo, l’Amministrazione intende comunque lanciare un messaggio, e cioè che è con la Memoria, da tramandare ai giovani, che si può rendere il giusto e doveroso onore alle vittime e ai superstiti della Shoah, che con il loro sacrificio e le loro testimonianze contribuiscono ogni giorno a smuovere le nostre coscienze.  Il 27 gennaio si ricorda lo sterminio del popolo ebraico, l’orrore delle leggi razziali, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte. E con essi quanti, nel tentativo eroico di opporsi a quell’atroce e folle disegno, persero la propria vita. 
“E’ nostro dovere morale ricordare un passato funesto e combattere senza remore ogni genere di razzismo e totalitarismo – dice il sindaco, Nicolò Catania – e in occasione della Giornata della Memoria la nostra Amministrazione vuole ricordare uno dei periodi più bui e tragici della nostra storia moderna, che ha segnato non solo le coscienze di un popolo, quello degli ebrei, torturato e maltrattato, vittima delle ideologie naziste e fasciste, ma anche le nostre coscienze”.

A proposito di Nicola Donato

Fin da piccolo mi ha molto appassionato il mondo del giornalismo, tanto che fondai a scuola un giornalino dal nome "Fatti e idee". La mia passione fu alimentata negli anni novanta, in piena età adolescenziale, da mio padre che conduceva trasmissioni radiofoniche di carattere sportivo presso l’emittente marsalese Radio Azzurra. La passione per il giornalismo cominciò a diventare anche un lavoro a partire dal 2005. 2005 – 2007 Conduttore televisivo emittente Canale 2 Marsala; 2007 – 2012 Redattore presso il quotidiano “Il Corriere Trapanese”; 2012-2014 Telecronista Ermes Tv Marsala; 2014 a tutt’oggi direttore del periodico cartaceo “Leggo Città Marsala”; Dal 2015 a tutt’oggi conduttore televisivo presso l’emittente televisiva Canale 2 Marsala; Dal primo dicembre del 2019 Leggo Città ha stretto una collaborazione con un gruppo editoriale locale permettendo la nascita di Trileggo di cui ne sono il Direttore.

Vedi anche

Marsala calcio. I tifosi si chiedono se ci sarà futuro…

Sono questi anni bui per il calcio marsalese. Il terzo posto ottenuto tre anni fa …