domenica , 12 Luglio 2020

San Giovanni Battista dal 1788 è il compatrono della città di Marsala

Il 24 giugno si festeggia la Natività di San Giovanni Battista.

San Giovanni Battista, dal 1788, è il compatrono della città di Marsala, per questa data ogni anno si svolge una festa che consiste nell’apertura al pubblico della chiesa e a ogni ora vengono celebrate le messe dall’arciprete della città di Marsala, parroco della, Chiesa Madre, e dagli altri parroci della medesima parrocchia. L’ultima messa viene celebrata dall’arciprete nel pomeriggio, dopo di che si svolge la processione. I festeggiamenti terminano con lo spettacolo pirotecnico.

Quest’anno, a causa del covid 19, le celebrazioni eucaristiche per la festa di san Giovanni Battista si sono svolte soltanto attraverso la celebrazione della messa alla Chiesa Madre, questa però non sarà seguita dai giochi d’artificio.

A proposito di Nicola Donato

Nutrii la passione per il giornalismo fin da piccolo. A scuola, infatti, fondai un giornalino dal nome "Fatti e idee". Era una raccolta di ricerche e temi svolti durante l'attività scolastica. Nei primi anni '90, ancora minorenne, appoggiai mio padre nella conduzione di programmi radiofonici di carattere sportivo. La passione per il giornalismo cominciò a diventare anche un lavoro a partire dal 2005. Scrivevo per un quotidiano di carattere provinciale dal nome "Il Corriere Trapanese". Iniziai, subito dopo, a condurre trasmissioni televisive di sport presso l'emittente marsalese "Canale 2" occupandomi anche delle telecronache del Marsala calcio. Dal 2014 sono direttore della rivista periodica "Leggo Città Marsala" e dall'ambito sportivo sono passato ad occuparmi anche di politica e cronaca. (www.leggocittamarsala.it). Dal primo dicembre del 2019 Leggo Città ha stretto una collaborazione con un gruppo editoriale locale permettendo la nascita di Trileggo di cui ne sono il Direttore.

Vedi anche

Conte annuncia: possibile proroga dello stato di emergenza a tutto il 2020

Il premier Giuseppe Conte conferma quello che tecnici di istituzioni e ministeri davano ormai per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *